contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

E' nato il Gruppo del Comitato Femminile

2' di lettura
2930
EV

È giunto finalmente a realizzazione un progetto iniziato ben oltre un anno fa su iniziativa del Comitato Locale di Senigallia della Croce Rossa Italiana.

da Croce Rossa Italiana
Si tratta della nascita del Gruppo del Comitato Femminile, che si aggiunge alle componenti già esistenti: Volontari del Soccorso, Infermiere Volontarie e Pionieri. Dopo alcuni incontri tra i vertici del Comitato Locale e l’Ispettrice Regionale si è convenuto che esistevano tutte le condizioni per costituire un Gruppo del Comitato Femminile anche nella nostra città.

Il compito della componente consiste nel promuovere e coordinare iniziative assistenziali socio-sanitarie anche integrative dell’azione svolta dalla C.R.I. nei vari settori di competenza inclusa la protezione civile;
attuare adeguate forme di assistenza sanitaria e sociale con particolare riguardo ai malati, all’infanzia, agli anziani, agli handicappati, ai profughi ed a tutti gli emarginati in genere;
promuovere ogni opportuna iniziativa destinata alla raccolta di fondi utili ai fini dell’assistenza.
collaborare alla divulgazione dell’immagine e dei principi della Croce Rossa mediante manifestazioni e l’accesso agli organi di informazione.

In attesa della elezione degli organi dirigenti, è stata nominata referente del Gruppo la sig.ra Giuliana Solfanelli. Le altre socie fondatrici sono: Agostinelli Doriana, Bartolacci Monica, Campolucci Giuliana, Catalani Ester, Cedretti Antonella, Curzi Vera, Del Pesce Maria, Galvagno Mariella, Giammichele Claudia Fabrizia, Girolimetti Donatella, Giuliani Camilla, Giuliani Ludovica, Grandi Cristiana, Poeti Enrica, Riminucci Orietta, Sardella Barbara, Seta Fabia, Solari Elena, Tenenti Silva, Tentindo Bianca Maria.

Cresce quindi ulteriormente il numero dei Soci dell’Associazione, a riprova del forte attaccamento dei cittadini senigalliese alla Croce Rossa e ai valori di umanità e di solidarietà che essa esprime.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 maggio 2007 - 2930 letture