contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Senigalliese vince ai XX Campionati Italiani Assoluti di Equitazione

2' di lettura
2717
EV

Si sono svolte a Portogruaro (VE), dal 4 al 6 maggio, le gare valide per i XX Campionati Italiani Assoluti di Equitazione.

da CRE Anire Senigallia
Associazione Nazionale Italiana di Riabilitazione Equestre
Tre giorni che hanno visto atleti disabili di 17 società, provenienti da tutta Italia, cimentarsi in gare che, a vari livelli e per diverse discipline, hanno portato dai campi di prova, al campo di gara e, infine, sul podio uno spirito d’amicizia che sempre vorremmo accompagnasse qualsiasi manifestazione sportiva. A rappresentare Senigallia c’era Paolo Belogi, delegato Anire (Associazione Nazionale Italiana di Riabilitazione Equestre) presso la Consulta del Volontariato.

Frequentatore da 6 anni circa del CRE (Centro Riabilitazione Equestre) Anire Senigallia, che opera presso il Circolo Ippico “Valcesano”, ha partecipato alla competizione con la Società Sportiva Arcobaleno di Ancona a cui è iscritto.
Il suo piazzamento (1° nella sua categoria G1 Test 6°, una sigla traducibile in un meglio comprensibile “percorso base di dressage), insieme agli altri importantissimi titoli assegnati agli altri atleti della squadra (Emanuele Burchianelli di Ancona che avrà accesso ai campionati mondiali di equitazione e Luana Monteverde di Macerata) ha contribuito a far assegnare alla Società Arcobaleno il terzo premio del titolo a squadre.

Tanto agonismo quindi, legato anche ad una necessità ordinata da cause diverse che, dal percorso di ippoterapia, spinge amazzoni e cavalieri a confrontarsi sui campi di gara, quasi a voler completare l’esperienza sempre positiva derivante dal contatto con l’animale. Esperienza, questa, che inizia con la riabilitazione equestre che il CRE Anire di Senigallia porta avanti da sempre dando spazio, oltre che alla pratica prettamente riabilitativa, anche ad aspetti ludico sportivi, con risultati degni di nota pure sotto il profilo agonistico.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 maggio 2007 - 2717 letture