contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Gli operatori turistici snobbano la bandiera blu

2' di lettura
3038
EV

Alla consegna del riconoscimento, assegnato dalla Fee ogni anno ai comuni che eccellono per la qualità delle acque e non solo, secondo un copione già visto lo scorso anno, praticamente nessun albergatore (tranne un paio di eccezioni), bagnino o altro operatore del turismo, ha ritenuto l'evento degno di partecipazione.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it
Sintomo di “indifferenza” verso la bandiera blu? No, per l'assessore al turismo Luigi Rebecchini, convinto che il marchio europeo qualifichi enormemente l'offerta turistica.

La bandiera blu è un riconoscimento molto importante per i comuni costieri e sono convinto che avere o meno questo marchi incida notevolmente sulle scelte dei turisti - afferma Rebecchini - tutti gli studi più recenti, tra cui l'ultimo effettuato dalle Camere di Commercio, rivelano come i turisti facciamo molta attenzione alla qualità ambientale delle mete che scelgono per le loro vacanze o soggiorni”.

Se gli operatori sembrano non amare particolarmente i rituali, il loro contributo è comunque fondamentale perchè la spiaggia di velluto ogni anno (e nel 2007 è già l'undicesima volta) rientri nei parametri richiesti per ottenere la bandiera blu.

Gli operatori turistici hanno un ruolo fondamentale, soprattuto dal punto di vista dell'accoglienza - aggiunge Rebecchini - è anche grazie al loro contributo che Senigallia si vede assegnato questo ambito riconoscimento”.
La bandiera blu è frutto di un lavoro di squadra dove gli operatori partecipano attraverso la qualità dei servizi e dell'accoglienza offerti - ha detto il sindaco Luana Angeloni - il comune è impegnato sul fronte della raccolta differenziata porta a porta, sulla mobilità sostenibile, per mantenere la qualità del mare e delle infrastrutture. Dobbiamo pensare anche che la bandiera blu non è scontata. Basta pensare a quali reazioni ci sarebbero qualora non ci venisse più riconosciuta”.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 maggio 2007 - 3038 letture