contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Il Generale Marcello Olivi ricordato dagli amici Rotariani

2' di lettura
4313
EV

Il 31 marzo scorso, in seguito ad una breve e gravissima malattia, è scomparso prematuramente il Dott. Marcello Olivi, Generale dei Bersaglieri e Presidente del Rotary Club di Senigallia, nel cinquantesimo anniversario della sua fondazione.

dal Rotary Club Senigallia
La sera del 14 maggio gli amici rotariani si sono riuniti, numerosi e commossi, per ricordarlo in un ultimo tributo di profonda stima ed affetto alla presenza della moglie Sig.ra Maria Giuseppina e del figlio Gabriele a cui hanno espresso il loro profondo dolore.

Il notaio Dott. Giorgio Mazzetti ha ricordato i tratti caratteristici della poliedrica personalità del Gen. Olivi, ricordando il soldato, il comandante deciso, pronto a qualsiasi impresa e nel contempo prodigo nel prestare aiuto a chi ne avesse bisogno. Marcello Olivi era conosciutissimo a Senigallia. Amante della bicicletta e delle passeggiate, si poteva spesso incontrare in qualche itinerario tra le colline dell'entroterra. Fra le varie passioni, oltre ai viaggi, anche quella per l'attività giornalistica dove la sua cultura e una notevole predisposizione alla scrittura lo avevano portato a collaborare con quotidiani locali e con la Protezione Civile, dove come responsabile dell'Ufficio Stampa Nazionale, partecipava ad esercitazioni in tutta Italia L'attenzione per il sociale lo avevano condotto all'impegno nel Rotary Club del quale aveva assunto la presidenza nell'anno di celebrazione del cinquantenario della fondazione.

Infaticabile promotore, animatore e coordinatore di molte iniziative pregevoli, proprio nell'anno del cinquantenario era riuscito a donare alla Protezione Civile una autovettura. Contestualmente progettò la pubblicazione degli annali del Club, un'opera sistematica sulla storia dell'impegno civile, sociale e culturale del Rotary di Senigallia. Nel concludere il Suo toccante intervento il notaio Mazzetti ha ricordato il bellissimo sorriso di Marcello, rivolgendo a nome di tutti i soci, un pensiero commosso e affettuoso alla moglie Maria Giuseppina, al figlio Gabriele, alla mamma signora Iolanda e al fratello Mauro, confermando il legame d'amicizia che a loro legano tutti i soci.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 16 maggio 2007 - 4313 letture