contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Campanile rassicura gli operatori balneari

2' di lettura
1966
EV

Il piano degli arenili sarà modificato ma la concertazione fra tutti i soggetti coinvolti richiede tempo. L'assessore all'urbanistica Gennaro Campanile rassicura gli operatori balneari dopo le polemiche contro un piano della spiaggia troppo rigido e obsoleto che non consente ai bagnini di investire e migliorare le proprie attività con il conseguente rischio di perdita della competitività. Ma non solo.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it
A provocare la protesta dei bagnini è stata anche l'esclusione “forzata” dal progetto presentato da Legambiente e denominato Ecolabel che assegna un marchio di certificazione alle strutture ricettive (stabilimenti balneari compresi) che rispettano un decalogo ambientalista.

Le rigide norme del piano degli arenili, vecchio di oltre vent'anni, non consentono attualmente ai bagnini di poter introdurre miglioramenti, come l'installazione di pannelli solari o impianti per il riciclo integrale delle acque, necessari per ottenere la certificazione ambientale.

Per quanto riguarda il progetto Ecolabel, proprio nel mese di febbraio abbiamo presentato un progetto per la riqualificazione della costa con l'utilizzo di energie rinnovabili che rientra nell'ambito di un bando regionale - spiega l'assessore all'urbanistica Gennaro Campanile - se sarà accolto e otterremo i finanziamenti, nelle nostre concessioni balneari sarà possibile introdurre strumenti per il risparmio energetico e per il rispetto ambientale con provvedimenti che possono quindi derogare in parte alcune previsioni del piano”.

Sotto accusa da parte dei bagnini anche il tavolo tecnico, in piedi da anni, ma di fatto bloccato, che dovrebbe contribuire ad una nuova predisposizione del piano degli arenili. “Dal mio insediamento, il tavolo tecnico è stato convocato una prima volta, sono state poste tutte le varie istanze dei vari soggetti che abbiamo recepito e che stiamo valutando - spiega Campanile - il lavoro è complesso perchè si tratta di compiere una vasta sintesi fra esigenze diverse, le richieste dei bagnini ad esempio sono diverse da quelle degli albergatori e anche da quelle dei baristi. Come giunta saremo attenti alle esigenze di tutti ma prima di proseguire con la parte tecnica e pratica per una modifica del piano degli arenili dobbiamo arrivare ad una sintesi delle varie istanze”.

L'assessore all'urbanistica assicura che il piano degli arenili sarà rivisto e ma previsa anche i capisaldi del documento urbanistico.
Da parte nostra c'è la massimo disponibilità ad ascoltare tutti i soggetti - precisa Campanile - ma le modifiche al piano non prescinderanno da alcuni principi guida dell'azione di questa amministrazione quali la tutela della costa e della spiaggia e la tutela dell'ambiente. Il lavoro andrà avanti secondo le priorità urbanistiche già in fase di discussione”.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 12 maggio 2007 - 1966 letture