contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Sversamento dall'Api: il Comune pensa al risarcimento dei danni

3' di lettura
1700
EV

Si è svolta mercoledì pomeriggio in Comune una seduta allargata della Conferenza dei Capigruppo, allo scopo di esaminare la situazione venutasi a creare a seguito del grave episodio di inquinamento ambientale causato dallo sversamento di idrocarburi dal pontile della Raffineria Api di Falconara Marittima nei giorni 2-4 aprile scorsi.

da Silvano Paradisi
presidente del Consiglio Comunale
All’incontro, convocato dal presidente del Consiglio Comunale Silvano Paradisi, erano presenti, oltre ai capigruppo, l’Assessore Regionale all’Ambiente Marco Amagliani con i tecnici della Regione, rappresentanti dell’Agenzia Regionale Arpam e dell’Asur di Senigallia, il comandante dell’Ufficio Locale Marittimo Domenico Cicco. Per l’Amministrazione Comunale erano presenti il Sindaco Angeloni, l’Assessore ai Lavori Pubblici Mangialardi e il Comadante della Polizia Municipale Flavio Brunaccioni. La Società Api non era presente direttamente ma attraverso rappresentanti della ditta Petroltecnica, impresa incaricata di eseguire le operazioni di pulizia e bonifica dei litorali danneggiati dalla fuoriuscita.

Nel corso della riunione i rappresentanti dell’Asur e dell’Arpam hanno confermato come gli esami e gli accertamenti condotti nel tratto di litorale interessato abbiano dato esiti negativi, anche se si è segnalata la necessità di non abbassare la guardia per controllare accuratamente tutti gli effetti che le future mareggiate produrranno. Proprio a tale scopo, le istituzioni presenti hanno sottolineato la necessità che la ditta effettui un monitoraggio giornaliero, con spese a carico dell’Api, per controllare costantemente l’evolversi della situazione. L’Api in una lettera trasmessa al Comune di Senigallia ha a tale riguardo precisato che, anche dopo il completamento degli interventi di bonifica previsto per il 24 maggio, un team Petroltecnica continuerà ad essere presente allo scopo di intervenire in caso di necessità su chiamata dei Comuni.

L’Assessore Amagliani ha comunicato che venerdì prossimo, 11 maggio, si insidierà in Regione un gruppo di lavoro interservizi ed interistituzionale allo scopo di individuare le procedure migliori da attivare dopo il grave episodio dello sversamento e per verificare i profili del danno ambientale procurato alle risorse naturali coinvolte, alle attività economiche insediate, all’immagine del territorio regionale e dei Comuni coinvolti.

Il Sindaco Angeloni ha ancora una volta chiarito la linea che in questa materia l’Amministrazione Comunale di Senigallia intende seguire: attivarsi, nel caso in cui sussistano le condizioni di legge, per chiedere ed ottenere il risarcimento dei danni materiali e di immagine subiti dalla comunità locale. I Capigruppo, con i loro interventi, hanno confermato le posizioni assunte dal Sindaco, hanno altresì richiesto dati certi e definiti prima di assumere posizioni politiche. Infine hanno chiesto, d’accordo con la Regione, di vigilare, con un monitoraggio giornaliero a carico della Raffineria Api, sia la costa, sia il mare aperto. La Conferenza dei Capigruppo, in attesa che la situazione ambientale ancora in fase di evoluzione sia definita anche attraverso il lavoro del Tavolo Tecnico, rimarrà in contatto continuo con la Regione per definire le future azioni.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 maggio 2007 - 1700 letture