contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Energie alternative: se ne parla al Rotary

2' di lettura
2065
EV

Serata dedicata alle energie alternative lunedì scorso al Rotary Club di Senigallia.
“Contributo dell'agricoltura alle energie alternative”, questo il titolo della relazione tenuta dal prof. Rodolfo Santilocchi, ordinario di Agronomia e Coltivazioni erbacee presso la Facoltà di Agraria di Ancona dell'Università Politecnica delle Marche.

da Rotary Club Senigallia
Il relatore ha analizzato prima i vari tipi di biomasse che possono essere utilizzate per produrre energia (residui colturali, scarti industriali, rifiuti solidi urbani organici ecc.) ed in seguito ha passato in rassegna le varie tecnologie di conversione ( combustione, carbonizzazione, gassificazione, digestione anaerobica ecc.), avvertendo che non esiste comunque una produzione di energia ad impatto zero per l'ambiente.

Anche la scelta delle biomasse deve essere fatta nel rispetto di regole che garantiscano la salvaguardia del territorio e dell'ambiente. Valutando le opportunità di utilizzo pratico di queste energie alternative, il prof. Santilocchi ha spiegato che difficilmente potranno essere utilizzate su grande scala negli agglomerati urbani ad elevata densità abitativa, perché sorgerebbero inevitabili problemi logistici. Al contrario, sarebbe auspicabile una pianificazione territoriale per l'utilizzo di queste energie alternative che, in regioni caratterizzate da piccoli nuclei abitativi, come le Marche, consentirebbero la produzione in loco della materia prima ed il suo sfruttamento attraverso la tecnica della Cogenerazione.

Quest'ultima consiste nella produzione di energia e nel contemporaneo sfruttamento del calore che ne scaturisce per riscaldare acqua da distribuire alle abitazioni (Teleriscaldamento ). Il rendimento di tali impianti arriva a circa l'80% con un vantaggio netto per economia ed ambiente. La serata dopo le numerose domande dei soci, è stata chiusa dal ringraziamento del presidente del Club dr. Gian Paolo Capetti al prof. Santilocchi per la sua chiarissima esposizione e disponibilità.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 maggio 2007 - 2065 letture