contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Una begonia per la Costa D'Avorio

2' di lettura
2414
EV

Una begonia in cambio di un piccolo contributo per la Costa d’Avorio. Per tutto il week end l’associazione Piccole Stelle d’Africa di Montemarciano organizza numerosi presidi per la vendita benefica di piantine nell’area di Senigallia.

dal Centro Servizi per il Volontariato
I volontari della onlus saranno presenti per le intere giornate di sabato 5 e domenica 6 maggio a: Senigallia (presso il Duomo), nelle parrocchie di Monte San Vito, Arcevia, Serra de’ Conti, San Silvestro, Scapezzano, Vallone, Monterado, Castelvecchio, Ponterio, Fratterosa e al circolo Acli Pelingo. Il 6 maggio, sempre per l’intera giornata, saranno presenti anche a Senigallia in C.so 2 Giugno (di fronte alla BNL) e, nella sola mattinata, a Marina di Montemarciano in Piazza 8 Marzo.

I fondi, raccolti con la distribuzione delle belle piantine ornamentali, contribuiranno ai progetti dell’associazione in Costa D’Avorio a Yakassè Feyassè, dove la onlus sostiene il centro di accoglienza "Maria Grazia Balducci", sorto nel 2000 per volontà dell’imprenditore senigalliese Tommaso Rossi e attualmente gestito dalle suore domenicane del SS.Sacramento e dalla volontaria missionaria Maria Luisa Rotatori.

Una distribuzione, quella delle begonie, che proseguirà anche la mattinata del 27 maggio presso la parrocchia di Montemarciano.

Piccole stelle d'Africa è una giovanissima associazione di volontariato nata a novembre 2006 proprio per sostenere l'attività della missionaria Maria Luisa Rotatori, ex infermiera dell'ospedale di Senigallia, che dal 1996 dedica la propria vita alla cura delle popolazioni in Costa d'Avorio. L'ideale della onlus è portare un aiuto concreto, stabile e duraturo ai più poveri, in particolare ai bambini, assicurando loro una migliore qualità della vita, cultura, salute e dignità della persona e prevedendo anche spazi in cui gli adulti possano apprendere tecniche e competenze lavorative. Il centro di accoglienza che l’associazione sostiene comprende infatti un asilo per 100 bambini, una casa per le suore e le postulanti, una sala polifunzionale, una chiesa della missione e un ospedale, che consta di sala operatoria, divisione di chirurgia, ostetricia e ginecologia e una sezione per l'alimentazione pediatrica.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 maggio 2007 - 2414 letture