I sindacati sui bilanci dei comuni: in sei hanno aumentato l'addizionale IRPEF

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Finito il giro di consultazioni delle organizzazioni sindacali fra tutti i comuni del senigalliese per il bilancio 2007, è pronta la mappa delle Amministrazioni più “virtuose”. Nonostante un giudizio complessivamente positivo da parte di Cgil, Cisl e Uil in merito a bilanci che “salvaguardano il livello dei servizi erogati, sia a domanda individuale che sociali”, il punto debole resta l'aumento dell'addizionale Irpef.

di Giulia Mancinelli
penelope@viveresenigallia.it


Ben sei comuni hanno decretato un aumento dell'aliquota, compensato in parte con un'esenzione per i redditi più bassi.
A Ripe l'Irpef passa dallo 0,4 allo 0,6% con una no tax area per i redditi fino a 10 mila euro, a Serra de' Conti dallo 0,5 sale allo 0,6% con esenzione fino a 9 mila euro, a Ostra l'aumento sale dallo 0,4 allo 0,6%, ad Arcevia dallo 0,4 allo 0,6% e a Senigallia dallo 0,2 allo 0,4%, con un'esenzione fino a 12 mila euro.

Tirata d'orecchi invece per l'Amministrazione di Ostra Vetere che ha aumentato l'Irpef dallo 0,2 allo 0,8%. “Il comune di Ostra Vetere è tenuto un comportamento decisamente fuori dai canoni - chiosa Giordano Mancinelli della Cgil - anzitutto l'incontro con i sindacati è stato convocato dopo l'approvazione del bilancio in Consiglio e per questo lo abbiamo rifiutato e poi l'aumento del 400% dell'Irpef è tra i più alti d'Italia e il più alto di tutta la zona”.

Tra i comuni più virtuosi ne figurano invece ben 5 che hanno mantenuto inalterata l'aliquota Irpef o addirittura “abolita”.
A non applicale l'Irpef sono Monterado (un impegno che vale addirittura per i prossimi tre anni) e Castelcolonna. Due comuni che risentono positivamente degli effetti rispettivamente di una vivace zona industriale e della presenza della discarica.

Ferma invece allo 0,4% l'Irpef a Castelleone di Suasa e a Barbara e allo 0,36% a Corinaldo (dove il confronto con i sindacati non c'è però stato). “Il giudizio sugli esiti del confronto con le Amministrazioni per i bilancio 2007, con l'eccezione di Ostra Vetere, è buono - sottolinea Luciano Di Marcelli della Uil - perchè non sono stati toccati i servivi a domanda individuale e sociali e in alcuni casi sono stati anche incrementati”.

Durante il confronto con le organizzazioni sindacati dell'entroterra hanno evidenziato anche alcune criticità del territorio. “Stiamo assistendo ad una continua crescita della popolazione a Ripe, Ostra e Monterado, sia per opportunità di lavoro che per i minori costi delle abitazioni - osserva Maurizio Andreolini della Cisl - questo determina la necessità incombente di espandere i servizi rivolti all'infanzia e di rafforzare la rete infrastrutturale e telematica”.






Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 aprile 2007 - 3309 letture

In questo articolo si parla di sindacati, ostra vetere, castelcolonna, monterado, ripe, ostra, corinaldo, giordano mancinelli, luciano di marcelli, maurizio andreolini, serra de' conti


Anonimo

06 aprile, 12:09
Mi piace sottolineare che a Corinaldo (dove Ici ed Irpef non hanno subito alcun aumento), si è tenuto un incontro, presenti le asociazioni di categoria e disertato dai sindacati, che pur erano stati invitati. Perchè non prendere parte ad una riunione così importante? <br />
Il fantomatico incontro si è quindi tenuto... sono i sindacati ad aver coscientemente deciso di non partecipare!!!! <br />
I vostri associati corinaldesi non meritavano di essere rappresentati?<br />
<br />
... per dovere di cronaca....<br />
<br />
--per dovere di cornaca

Anonimo

06 aprile, 13:21
Interessante la tua precisazione... si vede che i sindacati erano intenti a far propaganda, proprio come hanno fatto con questo articolo.<br />
Tra l'altro ho notato anche alcuni errori ad esempio su alcune percentuali relative alla misura degli aumenti ma in fondo ci sta tutto nella logica del sostegno ad una parte politica piuttosto che ai lavoratori, vera origine e vocazione del sindacato, persa ormai da qualche tempo<br />
<br />
--Gabriele