contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Nuove proteste contro la Multiservizi: tocca al caro allacci

2' di lettura
2358
EV

La scia di proteste nei confronti della gestione Multiservizi non accenna a placarsi.

da Alberto Bruschi
Dopo i malumori dei cittadini per le bollette “pazze” con le conseguenti minacce di distacco in caso di ritardato pagamento e le rimostranze per l’affollamento degli Uffici per la fornitura di dati catastali peraltro necessari (sembra)solo per i nuovi contratti anziché alla generalità degli utenti come richiesto dalla Società, è la volta di contestazioni avanzate per l’eccessiva onerosità dei costi di derivazione di nuove utenze gas ed acqua.

Le motivazioni della protesta dirette alle Società Multiservizi e sua controllata Prometeo, raccolte dal Difensore Civico dott.ssa Sabina Sartini e girate anche al Comune di Senigallia in qualità di socio, si basano sulla considerazione che il contributo per tali lavori dovrebbe riguardare in gran parte il rimborso di spese vive sostenute in nome e per conto degli utenti (pratiche autorizzative, esecuzione scavo su sede stradale, fornitura materiali con mano d’opera ,ecc.), prelevando dalle entrate dei consumi il ricarico necessario per i costi strutturali ( riparazioni, manutenzioni, esten- sioni condotte,ecc.). La richiesta di intervento è partita da un ricorso di Bruschi Alberto, che si è visto esigere il pagamento del- la bella cifra di E. 433,82 per lavori di derivazione dell’utenza gas nonché E.650 per quella dell’acqua(oltre 130 E. per ogni utenza servita), a fronte di un un unico scavo di appena 4 metri ed altre incombenze eseguibili in unica soluzione per entrambe le derivazioni .

Tali voci di lavori figurano tuttavia addebitate sep ratamente nei rispettivi preventivi in base a discutibili tariffari del- le Soc. Multiservizi e Prometeo, ancorchè di fatto eseguiti dalla 1° Sarebbe materia di intervento della neo-costituita Autorità di Con- trollo su Gas ed Acqua:ma quando e quanto sarà funzionante?


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 06 febbraio 2007 - 2358 letture