x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Corinaldo: suggellato il patto di gemellaggio con Arcore

5' di lettura
7188
EV

Con la firma dei sindaci Livio Scattolini per Corinaldo e Marco Rocchini per Arcore (MI) si è suggellato il patto di gemellaggio fra i due comuni uniti nel nome del S.ten. Alfonso Casati, Medaglia d’Oro al Valor Militare alla memoria.

dal Comune di Corinaldo
www.comune.corinaldo.an.it

La manifestazione è iniziata sabato 13 gennaio, presso il municipio di Arcore, “Villa Borromeo d’Adda”. La delegazione di Corinaldo, composta dal sindaco Livio Scattolini e dagli assessori Daniele Aucone e Fernando De Iasi, è stata accolta dal sindaco Marco Rocchini e dalle autorità civili e militari del luogo.

Successiva visita alle scuderie e alla cappella Vela, con concerto svoltosi nella Sala del Camino, dove il sindaco Rocchini ha portato il saluto dell’amministrazione comunale alla delegazione ospite. Nel programma del “Trio Antares”, con Paola Terenzio – flauto traverso, Gianmaria Belisario – violino e Angelo Colletti al pianoforte, sono stati inseriti lo “Stabat Mater” di Pergolesi e il “Il duetto buffo di due gatti” di Rossini, sempre in onore della delegazione corinaldese.

La manifestazione ufficiale per il gemellaggio ha avuto luogo domenica 14, presenti i sindaci con 10 gonfaloni, nonché le autorità civili e militari, radunatisi di fronte al comune, dove si è formato il corteo, accompagnato dal Corpo musicale Città di Arcore e dalle numerose bandiere delle sezioni dell’ANPI e dei Combattenti e Reduci della Lombardia. Dopo la deposizione delle corone d’alloro al monumento alla Resistenza e a quello dei Caduti, il corteo si è portato nella chiesa parrocchiale Regina del Rosario, per assistere alla Santa messa. La cerimonia di gemellaggio si è svolta presso l’auditorium “don Oldani”, dove si è tenuta anche le giornate del ricordo “L’idea della Libertà”, in memoria dei Martiri di Valaperta e dei Martiri arcoresi nella Guerra di Liberazione. Oratore ufficiale il prof. Raffaele Mantegazza.

Mario Alaimo, rappresentante ANPI, nell’introduzione ha detto: “Siamo qui per celebrare l’dea della libertà che ci viene dalla manifestazione di Valaperta. Infatti i comuni di Arcore, Bellano, Biassono, Casatenovo, Lomagna e Missaglia si ritrovano ogni anno per questa bellissima solennità molto partecipata e sentita”. Ha quindi preso la parola il sindaco di Arcore Marco Rocchini: “Oggi noi formalizziamo un accordo e un gemellaggio con Corinaldo, dove è morto Alfonso Casati: splendida figura d’uomo sul quale è stato detto molto, ma mai troppo. Casati è morto per la libertà del nostro paese, ed io, che sono stato a Corinaldo, ho visto dove è avvenuto lo scontro con i tedeschi, morendo in un modo assolutamente eroico”. Rocchini ha concluso sottolineando che l’idea del gemellaggio nel nome di Casati è nata dalla precedente amministrazione ed è stata portata avanti dall’ANPI e da Mario Alaimo che si è adoperato in modo incredibile per concludere questo gemellaggio.

La parola è passata poi al sindaco di Corinaldo, Livio Scattolini: “ Perché due comunità sottoscrivono un patto di gemellaggio? Proprio questa mattina diversi arcoresi mi chiedevano il perché del gemellaggio con Corinaldo, quale legame ci fosse tra queste due città. Ho spiegato che il gemellaggio si fa nel nome di Alfonso Casati. Un altro patto di gemellaggio Corinaldo l’ha, a suo tempo, sottoscritto con la città “gorettiana” di Nettuno, perché a Nettuno si è compiuto il percorso della vita di Maria Goretti, nata a Corinaldo. Due figure che si accomunano: Maria Goretti nata a Corinaldo, Alfonso Casati morto a Corinaldo. Due persone giovani, con dei valori che noi abbiamo il dovere morale ed anche istituzionale di non far dimenticare.

Valori universali, da tramandare alle nuove generazioni. A tale scopo noi vorremmo istituire una borsa di studio alla scuola dell’obbligo, per non far dimenticare questi eroi che hanno dato la vita per la nostra libertà. Ringrazio la passata amministrazione, l’ex-sindaco Nava, per l’impegno preso per il gemellaggio, ma soprattutto la sezione dell’ANPI di Arcore con la presidente Emanuela Rastelli e l’amico Mario Alaimo che, con la sua costanza, è riuscito a far decollare questa iniziativa.

Un ringraziamento particolare va al sindaco Rocchini che, subito dopo il suo insediamento, è venuto a Corinaldo per portare a compimento il gemellaggio fra le due comunità”.
Il sindaco Scattolini, infine, ha letto il patto di gemellaggio, che è stato sottoscritto e firmato dai due sindaci. Ha chiuso la cerimonia, molto partecipata e sentita, il prof. Raffaele Mantegazza, che ha ricordato i martiri di Valaperta nel 62° anniversario dell’eccidio.




Clicca per ingrandire


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 gennaio 2007 - 7188 letture