Parcheggi sulle strisce blu, Paradisi: l'amministrazione ha violato la legge

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Interrogazione scritta del consigliere comunale Roberto Paradisi riguardo i parcheggi nel centrostorico cittadino.

da Roberto Paradisi
Liberi per Senigallia


Io sottoscritto Roberto Paradisi, consigliere comunale,

PREMESSO CHE

Questa Amministrazione Comunale ha disseminato indiscriminatamente di strisce blu l’intero centro storico cittadino e non solo arrivando ad estendere i parcheggi a pagamento persino su tutti i lungomari e zone limitrofi senza mai scientificamente prevedere stalli di sosta liberi; Tale atteggiamento denota una chiara volontà di imporre gabelle ai cittadini di Senigallia privati metodicamente della possibilità e libertà di circolare senza dover sopportare ingenti e illegittime soprattasse;

CONSIDERATO CHE

Finalmente, la sentenza della Cassazione a sezione unite (sentenza n° 116 del 2006) ha applicato l’art. 7 comma 8 del Codice della Strada sentenziando che debbano considerarsi nulle le multe inflitte alle auto parcheggiate nelle aree a pagamento se “su parte della stessa area o nelle immediate vicinanze” non è stato predisposto altro parcheggio libero, vale a dire segnalato dalle strisce bianche; L’obbligo non sussiste per le sole aree definite “area pedonale”, “zona a traffico limitato” e altre “zone di particolare rilevanza urbanistica”;

Premesso tutto ciò

INTERROGO LA S.V.

Per sapere

1.Per quale motivo l’Amministrazione comunale di Senigallia ha deliberatamente violato l’art. 7 comma 8 del codice della strada, atteso che la maggior parte dei parcheggi a pagamento sono stati realizzati in zone che nulla hanno a che vedere con l’isola pedonale o zone che possono essere considerate di pregio urbanistico (è il caso, a mero titolo di esempio, di via delle Caserme, via Smirne, tutti i lungomari, viale Leopardi, zona Porta ecc…);

2.Se è intenzione di questa Amministrazione Comunale porre fine immediatamente al palese stato di illegittimità fino ad ora caparbiamente mantenuto;

3.Se è intenzione di questa Amministrazione dunque immediatamente correggere le sue illegittime determinazioni provvedendo a realizzare stalli di sosta liberi in proporzione adeguata ai parcheggi a pagamento dando mandato all’ufficio segnaletica di cancellare buona parte delle strisce blu orizzontali ed aggiornare, previa assunzione di un opportuno provvedimento amministrativo, la segnaletica attuale;

4.Se è intenzione di questa Amministrazione comunale, in via di auto-tutela amministrativa ed in vista di una sacrosanta pioggia di ricorsi di fronte al Giudice di Pace, annullare i verbali di contestazione illegittimamente elevati in violazione del disposto dell’art. 7 comma 8 così come applicato dalla Suprema Corte di Cassazione.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 gennaio 2007 - 3071 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi





logoEV
logoEV
logoEV