contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Ostra Vetere: istituito il servizio gratuito di bus navetta sociale

2' di lettura
3892
EV

Un nuovo servizio, utile e significativo, che risponde alle esigenze della comunità cittadina e rivolto a coloro che hanno bisogno di accedere ai servizi sociali erogati nel territorio comunale e non solo. Una novità per Ostra Vetere che qualifica ancora di più i servizi alla persona e, soprattutto, a quei cittadini ed a quelle famiglie in stato di necessità.”

A parlare è il Sindaco di Ostra Vetere, Massimo Bello, che questa mattina, insieme al Presidente ed all’Amministratore delegato della società “Fondar SpA” di Ostra Vetere, rispettivamente Goffredo Montevecchi e Matteo Mancini, hanno presentato ufficialmente, con una cerimonia svoltasi in piazza Don Minzoni di fronte alla Residenza municipale, la “Bus Navetta Sociale”.

Questo servizio è stato istituito dall’Assessorato alle Politiche sociali ed alla Sanità, guidato dall’Assessore Astra Saturni, ed è costituito da un pulmino a nove posti acquistato dal Comune con il contributo prezioso ed il sostegno della società “Fondar SpA” di Ostra Vetere.

Il servizio bus navetta presentato, appunto, questa mattina, durante una conferenza stampa, rappresenta “il risultato – ha detto il Sindaco Massimo Bello – della collaborazione tra pubblico e privato per migliorare la qualità dei servizi, in particolare quelli legati alle politiche sociali.”

“Il mio ringraziamento, e quello dell’Amministrazione comunale, va ai responsabili della Fondar SpA – ha aggiunto il primo cittadino Ostra Vetere – per il sostegno in questa iniziativa sociale e per la loro sensibilità sociale, che ci ha permesso di realizzare questo nuovo servizio gratuito per il territorio che si inserisce nel panorama delle iniziative sociali predisposte dalla Giunta quali ad esempio l’esperienza del servizio di pronto farmaco. Per il prossimo anno stiamo già lavorando su attività riguardanti la teleassistenza rivolta ad anziani, disabili gravi e soggetti svantaggiati.”

“Dal canto nostro – ha ribadito Matteo Mancini, Amministratore delegato della Fondar SpA – siamo stati ben lieti di collaborare con l’Amministrazione e rispondere positivamente ad una sua richiesta. La nostra attività di sostegno a queste iniziative sociali rappresenta uno dei nostri obiettivi principali come quella relativa al sostegno della ricerca scientifica. Il nostro contributo per l’istituzione di questo servizio comunale va nella direzione della partecipazione alla vita ed alle attività sociali del paese e che caratterizza la nostra azienda nel territorio da cinquant’anni.”

Nella foto da sinistra il sindaco Massimo Bello, l'Amministratore Delegato della Fondar SpA Matteo Mancini ed il presidente della Fondar SpA Goffredo Montevecchi.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 ottobre 2006 - 3892 letture