contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Da Giugno fermo il cantiere ERAP in via Piave

2' di lettura
2753
EV

Roberto Mancini (PRC) ha presentato un'interrogazione scritta all'assessore all'Urbanistica Gennaro Campanile per sapere perché è stata bloccata la costruzione di una palazzina ERAP (ex IACP), in via Piave.

da Roberto Mancini
Consigliere Comunale PRC
PREMESSO che da giugno scorso è bloccata la costruzione di una palazzina ERAP (ex IACP), in via Piave, di 14 appartamenti destinati all’affitto a canone sociale, a causa di controversie sorte tra l’ente appaltante, l’ERAP appunto, e l’impresa che si è aggiudicata l’appalto, la ECF di Napoli, fatto che non permette di prevedere quando i lavori saranno ultimati;

CONSIDERATO che nel medesimo comparto sono previsti altri 22 alloggi a canone sociale e che il ritardo che si sta accumulando provoca un danno ai cittadini di Senigallia che sono in attesa di una abitazione a canone sociale, nel quadro di una situazione ad alta tensione abitativa;

RIBADITO le scelte in favore dell’edilizia sociale sono parte fondamentale del programma di questa maggioranza;

si chiede di sapere:

per quali ragioni è sorto un contenzioso legale tra ERAP e impresa ECF, qual è lo stato attuale della vicenda e, prevedibilmente, entro quale data potrebbero riprendere i lavori;

se il blocco dei lavori coinvolge anche gli altri 22 appartamenti che dovrebbero, una volta ultimati, rientrare nella gestione diretta del Comune ed entro quale data si stima che possano essere assegnati ai cittadini che ne hanno diritto;

quali iniziative sono state assunte dalla Giunta per far fronte ad un ritardo che, oltre a mettere a rischio la politica della casa di questa Amministrazione, rinnova grandi disagi a tante famiglie che solamente grazie all’intervento pubblico possono risolvere le loro esigenze abitative, viste le tendenze speculative in atto nel mercato cosiddetto libero degli affitti.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 ottobre 2006 - 2753 letture