x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Parcheggi rosa per le mamme in attesa chiesti dal centro destra

2' di lettura
2018
EV

I consiglieri comunali del centro destra Alessandro Cicconi Massi, Gabriele Cameruccio, Gabriele Girolimetti, Fiore Bittoni, Lucio Massacesi, Floriano Schiavoni e Vincenzo Mastrantonio presentano in Consiglio Comunale un ordine del giorno per l’istituzione dei “parcheggi rosa”.

dal centro destra

Tenuto conto dell’evidente carenza di spazi di sosta in tutto il territorio senigalliese e della politica di parcheggi a pagamento adottata dall’amministrazione comunale in tutto il centro storico e nei lungomari della città. Considerato che non esistono spazi di sosta riservati o con tariffe agevolate nei confronti delle gestanti e delle neo mamme, le quali invece sono spesso costrette ad utilizzare il mezzo privato, viste le oggettive difficoltà ad usare mezzi pubblici, e mezzi a due ruote.

Considerata dunque la necessità di garantire alle donne la possibilità di vivere la propria gravidanza ed i primi mesi della maternità non in situazione di forte stress e stanchezza, tenuto anche conto del fatto che sempre più oggi le donne assolvono il doppio ruolo di mamme e di lavoratrici. Verificata dunque la necessità di istituire degli spazi di sosta riservati alle gestanti e neo mamme in tutte le aree parcheggio in prossimità di ospedali, case di cura, ambulatori, farmacie, centri commerciali e centro storico oltre alla necessità di prevedere la sosta gratuita in tutti i casi in cui non sia possibile garantire tali parcheggi appositamente riservati.

IMPEGNA:

L’amministrazione comunale a redigere un apposito regolamento ed adottare tutti i provvedimenti necessari all’istituzione dei i c.d. “parcheggi rosa” per le donne in gravidanza e per le neo mamme fino al primo anno di età del neonato. Tali spazi di sosta, contrassegnati adeguatamente, ove possibile dovranno essere previsti in numero pari a quelli per invalidi. In ogni caso verrà applicata un’esenzione totale dal pagamento del ticket di sosta urbana alle donne titolari di certificato medico o di nascita del bambino.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 ottobre 2006 - 2018 letture