contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Castelleone: inaugurata il nuovo centro commerciale naturale

3' di lettura
2105
EV

E' stato inaugurato a Castelleone di Suasa sabato 21 ottobre presso la Sala Consiliare il Centro Commerciale Naturale.

da Comune di Castelleone di Suasa

La Regione Marche, con delibera della Giunta n.962/04, ha erogato finanziamenti per la realizzazione di progetti piloti tra Comuni e piccole medie imprese commerciali che operano nei centri storici. “Il Comune di Castelleone di Suasa è stato tra i pochi comuni che ha risposto all’iniziativa” -dice il Sindaco Giovanni Biagetti e prosegue- “I commercianti hanno aderito con entusiasmo al progetto che prevede la riqualificazione del nostro centro storico. Un progetto importante che ha un suo valore sociale, far vivere il centro storico, riqualificare un paese, renderlo bello per viverci bene”.

12 sono i negozi, tutti a conduzione familiari, che si affacciano sulle caratteristiche logge, simbolo e logo del Centro Commerciale Naturale. “L’obiettivo del progetto è quello di rivitalizzare il commercio, e non abbandonare i centri storici, luogo di storia e cultura delle Marche” afferma Pietro Talarico Dirigente del Servizio Commercio della Regione Marche.

“Un progetto che pochi hanno capito” incalza Paolo Luzi Crivellini Segretario Provinciale Confesercenti “La situazione economica per le piccole imprese è difficile, quando chiude un piccolo negozio, si spegne un pezzo di città. La riqualificazione del centro storico ed il marketing territoriale daranno sicuramente slancio al commercio”. M non solo. “Un progetto importante anche perché ha fatto dialogare tra loro imprese diverse e le istituzioni”- osserva Riccardo Pasquini della Confcommercio- “che mette al centro l’elemento umano ed il profondo legame con il territorio, in risposta alla spersonalizzazione dei grandi centri commerciali”.

“La ricchezza di questi piccoli centri è proprio la ricchezza delle relazioni”
-prosegue l’Assessore provinciale Patrizia Casagrande in rappresentanza della provincia di Ancona che ha finanziato il recupero delle mura castellane- “una comunità è forte quando c’è una piazza dove incontrarsi e socializzare”. L’investimento complessivo è di 164.368,67 euro per interventi di restauro, risanamento e valorizzazione del patrimonio edilizio esistente. Il progetto del piano di recupero è stato affidato all’architetto Antonino Persi, che dice “non ha lavorato solo sulla materia, ma soprattutto sulla memoria degli uomini”. Un progetto che è partito dal “basso” ed ha coinvolto tutti i cittadini e che è stato approvato all’unanimità dal consiglio comunale. “Partire dal centro, origine di ogni comunità. E le Logge il “segno” e la misura del tempo di Castelleone di Suasa.”

“Un progetto che ha fatto incontrare diverse generazioni” prosegue l’architetto Persi “I bambini delle scuole hanno contribuito con lavoro basato sull’Orcio, la Spara, e la Cannella. Le donne andavano con la “spara” in testa su cui poggiavano un “orcio” alla “cannella” per prendere l’acqua e per apprendere e diffondere le notizie del paese.” Insomma una specie di internet d’altri tempi, un’elaborazione che il comune ha promesso di realizzare, “perché è attraverso i “Segni”, semplici e lineari, che conosciamo e ci riappropriamo della nostra storia. Il Comune di Castelleone di Suasa con questo Piano di Recupero del centro storico ” conclude l’Architetto “ha dimostrato di avere un attenzione particolare per il bene e lo sviluppo del paese”.



Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 24 ottobre 2006 - 2105 letture