contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Al Caffè Centrale il gelato più buono, gratis per tutti

2' di lettura
7094
EV

Domenica, dalle 16 alle 20,30, durante la festa-concerto per i tre anni di Vivere Senigallia, Giancarlo, Rosanna, Paolo e Francesco regaleranno un cono gelato (due gusti) a chiunque si presenterà con una stampa di questa pagina.

di Michele Pinto
michele@vivere.marche.it
Da 20 anni il gelato del Caffè Centrale è un'istituzione a Senigallia.
Giancarlo, Rosanna, Paolo e Francesco lo preparano con passione e con un'attenzione particolare agli ingredienti migliori e sempre, rigorosamente, genuini.

Domenica tutti potranno assaggiare il gelato al gusto di Cassata Siciliana, al gusto di Pistacchio di Bronte, due gusti di cui gli "autori" sono particolarmente orgogliosi, o qualsiasi altro gusto, semplicemente presentando una stampa di questa pagina al Caffè Centrale.
Di certo il modo più goloso per festeggiare il compleanno del vostro quotidiano online preferito.

Ovviamente al Centrale non ci sono solo i gelati, ma tutta una serie di torte e dolci, oltre ovviamente a tutto quello che serve per sorseggiare l'aperitivo mentrre si guarda il passeggio nel Corso.

Ma il vero segreto del Caffè Centrale lo lasciamo rivelare dal regista senigalliese Maurizio Liverani.

"E' l'ombelico di Senigallia
La civiltà di una città si misura anche con questi centri.
Distingue il Centrale anche l'amabilità che vi spira.
Nulla di programmato, tutto spontaneo.
Una "tribu", quella che si raccoglie intorno a Tallo, disposta naturalmente al colloquio.
Qui, nel centro di Senigallia, si entra da amici.
La battuta sgorga facile, seguendo i canoni dell'humor senigalliese.
La ricetta "vincente" del Centrale è il colloquio, nel dimostrare interesse nella persona che consuma. Una qualità che contraddistingue questo antico caffè da quei ritrovi dove t'imbatti in eccessi di cortesia senza nessuna disponibilità a conoscersi
".
Maurizio Liverani.



Domani altri dettagli sul terzo compleanno di Vivere Senigallia.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 11 ottobre 2006 - 7094 letture