contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

L'alluvione ripropone la necessità della riqualificazione della Cesanella

2' di lettura
20376
EV

Le piogge di questi giorni ed in particolare il nubifragio caduto sulla città sabato mattina ripropongono il problema degli allagamenti nell’area artigianale della Cesanella. Come succede ormai ogni qualvolta si verifica un evento atmosferico di particolare intensità, l’area si dimostra del tutto inadeguata.

da Cna Senigallia
Il sistema delle fognature non è in grado di accogliere e smaltire le acque, creando allagamenti e grossi problemi ai residenti, ai lavoratori, alle imprese. Sabato mattina le strade sono state in gran parte allagate - con danni, per fortuna non rilevanti - subiti da alcune imprese. Al di là di chi paga (non sempre le Assicurazioni intervengono in questi casi), non è più tollerabile rinviare il tema della riqualificazione di questa importante area produttiva.

“Bisogna programmare interventi, da prevedere già sul prossimo bilancio comunale – interviene Cesare Morganti, Presidente della CNA di Senigallia - partendo dalle priorità dell’area: il potenziamento della rete fognaria, l’adeguamento della segnaletica stradale, l’illuminazione degli incroci, la manutenzione delle strade e del verde. Queste opere di rifacimento dei sottoservizi di quartiere, sono necessarie per riqualificare un’area così significativa per l’economia della città di Senigallia”.

A tale proposito sono già stati contattati dall’Associazione l’assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Mangialardi e l’assessore al Bilancio Michelangelo Guzzonato per inserire la questione nel tavolo di concertazione fra Amministrazione Comunale e i rappresentanti delle categorie economiche. Nell’area artigianale VISMARA della Cesanella hanno sede numerose imprese artigiane e industriali significative nelle quali trovano occupazione centinaia di lavoratori.

“Dobbiamo fare tutto ciò che è possibile per scongiurare il verificarsi di condizioni che possano mettere in pericolo le nostre aziende ed i lavoratori – sostiene Marzio Sorrentino, segretario della CNA di Senigallia - Quanto è successo nei giorni scorsi ad Ancona Sud e Osimo ci deve far riflettere. Una gestione attenta ed equilibrata del territorio, è determinante per evitare il verificarsi di situazioni di quel tipo. Certamente di fronte al manifestarsi sempre più frequente di episodi meteorologici di tale forza ed intensità, a volte imprevedibili, ci sentiamo tutti più deboli ed impotenti, ma è anche vero che alcuni interventi preventivi possono contribuire ad aumentare la soglia di sicurezza”.

In ultimo, la CNA si domanda, a proposito dell’area VISMARA della Cesanella, se l’intera Area sia stata presa in carico dal Comune di Senigallia. “Se così non fosse – sottolinea il Presidente CNA Cesare Morganti – chiediamo al Sindaco di procedere al più presto mettendo in atto le azioni politiche ed amministrative necessarie per superare tale situazione”.

ARGOMENTI
cna


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 settembre 2006 - 20376 letture