statistiche accessi

Borgo Bicchia: mostra fotografica di Renzo Tortelli

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Il 23, 24 e 25 giugno, durante la Sagra della Quaglia allo Spiedo, si svolgerà la mostra fotografica di Renzo Tortelli: Primo Maggio sul Misa.

dalla Galleria Arearte


Si è svolta ieri mattina, nei locali della Biblioteca Comunale,la presentazione del catalogo fotografico “Primo Maggio sul Misa” di Renzo Tortelli, alla presenza del sindaco di Senigallia, del fotografo, degli organizzatori della mostra, dei curatori del catalogo e del maestro della fotografia senigalliese Ferruccio Ferroni.
Il volume, a cura della Galleria Arearte di Senigallia, è stato realizzato in occasione della mostra omonima che avrà luogo il 23/24/25 giugno durante la Sagra della Quaglia allo Spiedo di Borgo Bicchia. Promotori dell’iniziativa il Circolo Arci – Casa del Popolo di Borgo Bicchia, che già da diverse edizioni della Sagra si occupa di proporre testimonianze e documentazioni del passato del loro “borgo”.



La mostra di quest’anno nasce dalla scoperta, all’interno della collezione della Galleria Areate, di una raccolta di fotografie di Renzo Tortelli che documentavano i “Primi Maggio” degli anni 1963-64, trascorsi dai senigalliesi lungo le sponde del fiume Misa. Tra i tanti volti presenti in queste immagini i soci della Circolo Arci ne individuarono molti conosciuti, di parenti o amici, e da qui l’idea di utilizzarle per l’appuntamento del 2006.

L’autore delle immagini è Renzo Tortelli, ottico di professione ma fotografo per passione dal 1954. Nel 1956 conosce Mario Giacomelli con il quale inizia un lungo sodalizio professionale e personale: insieme fotografarono Scanno, Loreto e Senigallia. Con Giacomelli, Cavalli e Mochi ha fatto parte del Foto Club Pescara, effettuando mostre itineranti in Russia ed altri paesi. È stato inoltre un membro del gruppo internazionale di pittori, scultori, poeti e scrittori INTRA/R, ma ha realizzato anche numerose esposizioni personali in Italia e all’estero.

Dal 1970 al 1995 si isola con la propria attività fotografica e solo dopo il 2000, a seguito di numerose sollecitazioni, accetterà il ritorno alle mostre.
Tra le ultime partecipazioni più rappresentative quella alla mostra “La cultura agreste nelle Marche anni 60”, da poco conclusa all’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo, l’esposizione “L’occhio su Scanno” tuttora in corso a Bordeaux, e la grande mostra antologica di Siviglia appena terminata sulla storia del Gruppo Afal, il principale movimento fotografico spagnolo, che ha visto la partecipazione di Tortelli accanto ad altri grandi maestri della fotografia come Gianni Berengo Gardin, Mario Giacomelli, Henry Cartier-Bresson, William Klein, Otto Steinert e Alfedro Camisa.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 giugno 2006 - 4366 letture

In questo articolo si parla di fotografia, renzo tortelli





logoEV
logoEV
logoEV