statistiche accessi

Rinviato il processo per diffamazione degli esponenti di Liberi per Senigallia

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Rinviato al 10 novembre il processo per diffamazione ai danni di Anna Maria Bernardini, Claudio Marcantognini e Claudio Cavallari, i due esponenti di “Liberi per Senigallia” ed il direttore del periodico locale “Sprint”.

di Guido Fabbri
guidofabbri@vsmail.it


I tre erano stati rinviati a giudizio per diffamazione a mezzo stampa dopo l’indagine seguita alla querela sporta nel maggio 2004 dal sindaco Angeloni per un articolo apparso su “Sprint” e redatto dai due esponenti della lista civica.

Un articolo che riguardava la proposta comunale ai cittadini interessati di trasformare in diritto di proprietà il diritto di superficie sugli immobili versando una quota calcolata secondo appositi parametri. Nell’articolo si parlava di “speculazioni edilizie” da parte del Comune, di “furto” perpetrato dall’ente pubblico e di volontà di “spolpare” i cittadini.

Espressioni ritenute diffamatorie dal sindaco che ha proceduto alla querela. Nell’udienza di ieri il giudice monocratico Alessandra Alessandroni ha disposto il rinvio sull’accordo delle parti per l’assenza della parte querelante, il sindaco Angeloni, non presente in aula per legittimi impedimenti.

“Legittimi impedimenti – ha voluto sottolineare Roberto Paradisi, il difensore dei tre imputati – che peraltro la parte civile non è stata in grado di dimostrare”.

La vicenda, come si sa, ha avuto uno strascico politico rilevante visto che per protesta contro la querela l’opposizione in blocco ha abbandonato l’aula del Consiglio comunale nell’assise di mercoledì scorso.

Nel documento del rinvio a giudizio in evidenza ci sono le frasi "inquisite".



Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo
Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 giugno 2006 - 2811 letture

In questo articolo si parla di anna maria bernardini





logoEV
logoEV