contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Mancini: inaccettabile il trattamento subito da Senigallia

3' di lettura
2756
EV

Il consigliere comunale Roberto Mancini chiede chiarimenti riguardo l'esclusione di Senigallia da ogni iniziativa in occasione della mostra internazionale "Gentile da Fabriano e l’altro Rinascimento".

da Roberto Mancini
consigliere comunale Rifondazione Comunista
"Le responsabilità vanno attribuite alla Regione Marche che ha operato con “mancanza di trasparenza".

Così ha risposto l’Assessore alla Cultura Velia Papa, da me interpellata in Consiglio Comunale sull’oscuramento subìto da Senigallia in occasione della mostra internazionale "Gentile da Fabriano e l’altro Rinascimento".

I fatti sono noti, anche grazie ad un precedente intervento del Consigliere Corinaldesi: la mostra, in calendario dal 21 aprile a fine luglio, rappresenta un appuntamento culturale di alto livello, non a caso inaugurata dal Presidente della Repubblica, e propone percorsi culturali che si irradiano verso tutti i centri principali delle Marche con evidenti ricadute turistiche.

Purtroppo, Senigallia è esclusa da ogni iniziativa, mai citata nel ricco opuscolo diffuso in tutta Italia e all’estero e, addirittura, cancellata dalla carta geografica. Eppure, sulla base delle risorse storiche, culturali e turistiche cittadine, avremmo avuto non poco da dire in una tale occasione.

Il danno, e anche l’offesa, a Senigallia sono considerevoli e tali da rendere necessaria l’assicurazione che simili errori non siano più commessi in futuro. Quindi, le responsabilità – se risiedono a livello regionale – devono essere accertate e in tale direzione ho invitato a muoversi l’Assessore Papa.

Da parte nostra, nei prossimi giorni verrà presentata in Consiglio Regionale una interrogazione all’Assessore Regionale alla Cultura affinché sia chiarito ogni dettaglio dell’inaccettabile trattamento subìto da Senigallia.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 aprile 2006 - 2756 letture