contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Scattano le denunce per la rissa di un mese fa al campus scolastico

2' di lettura
2632
EV

Diciannove denunciati dei quali diciassette minorenni. E’ il bilancio complessivo dei provvedimenti presi dall’autorità giudiziaria a carico dei protagonisti della megarissa scoppiata nella mattinata del 24 febbraio scorso nel piazzale del campus scolastico di Senigallia.

di Guido Fabbri
guidofabbri@vsmail.it
A darsele di santa ragione, spranghe e bastoni alla mano, furono due bande rivali di giovanissimi, tutti studenti di diversi istituti superiori della città.
Il casus belli, già filtrato all’epoca del fatto ed ora confermato dall’attività degli inquirenti, è stata la rivalità in amore tra due giovanissimi, entrambi 15enni.
Secondo la ricostruzione effettuata dagli inquirenti, pare che i “capetti” delle due baby-gang si contendessero le attenzioni di una loro coetanea, studentessa dell’Istituto Alberghiero “Panzini”.
La sera precedente alla zuffa del campus scolastico i due rivali in amore avevano avuto un incontro “poco amichevole” dal quale uno dei due era uscito malconcio.
La rissa del mattino dopo, quindi, altro non è stata che la spedizione punitiva organizzata dal ragazzo malmenato la sera prima per vendicarsi nei confronti del proprio rivale.
Sarebbe stato lui, insomma, ad organizzare una vera e propria banda con la chiara intenzione di farla pagare all’altro ragazzo che, a sua volta, è stato difeso sul momento da propri amici.
Per fortuna, ai primi accenni di zuffa altri studenti estranei alle due parti in causa, spaventati da quanto stava avvenendo, hanno chiamato i carabinieri.
L’arrivo delle pattuglie a sirene spiegate ha disperso gli esagitati prima che la situazione degenerasse in maniera irrimediabile e prima che qualcuno si facesse male sul serio.
Il fuggi fuggi generale susseguente all’arrivo dei carabinieri non ha però impedito agli stessi, anche grazie alle testimonianze raccolte, di risalire all’identità dei partecipanti alla rissa: 19 persone, appunto, di cui soltanto due maggiorenni.
Tutti dovranno rispondere dell’accusa di rissa.


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 marzo 2006 - 2632 letture