Sfondano il vetro che protegge la Vergine per rubare i gioielli dei fedeli

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Ieri pomeriggio è stato messo a segno un furto all’interno della Chiesa del Portone.
I ladri hanno sfondato il vetro che protegge la statua della Vergine ed hanno rubano tutti i gioielli ex voto lasciati dai fedeli.



Con ogni probabilità i ladri sono entrati in azione tra le 14 e le 14,30 ed approfittando di un momento in cui la Chiesa non era frequentata in pochi minuti sono riusciti ad arraffare tutti i preziosi lasciati dai fedeli ai piedi della statua di Santa Maria della Neve.
Per entrare in azione i malviventi (probabilmente chi materialmente ha messo a segno il furto si è avvalso di un palo ma non è escluso che possa essersi trattato dell’azione solitaria di un solo ladro), hanno dovuto sfondare la teca di vetro che protegge la statua della Madonna e una volta rotto il vetro sono riusciti ad arraffare anelli, collane e braccialetti d’oro lasciati dai fedeli in segno di gratitudine alla Vergine per un voto esaudito.
A dare l’allarme alla Polizia, che sta indagando sull’accaduto, è stato il parroco del Portone non appena accortosi dell’accaduto.
Quando sono andato in Chiesa mi sono accorto della teca che protegge la statua di Santa Maria della Neve fatta in frantumi ed ho subito realizzato che erano spariti tutti i gioielli lasciati dai fedeli ex voto – racconta don Giuseppe Bartera - è difficile poter stimare il loro valore, si trattava di collanine, anelli e braccialetti d’oro.
Erano protetti da un vetro antisfondamento che però non è bastato.
Quando abbiamo deciso di tenere la chiesa sempre aperta e a disposizione dei fedeli eravamo consapevoli di eventuali rischi di questo genere e purtroppo ora si sono verificati
”.

Immagine della Madonna con vetri rotti Immagine della Madonna con vetri rotti
Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 agosto 2005 - 3259 letture

In questo articolo si parla di





logoEV