libri & cultura: Come far l'amore con un negro senza far fatica

5' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Se vi leggete sotto l’ombrellone questo bel libro intitolato Come far l’amore con un negro senza far fatica, di Dany Laferrière, non passerete inosservati!
Il rischio di essere, come dire, “male interpretati” è alto, ma il libro merita. I timidi possono mettere una sovra copertina cannibalizzando magari un vecchio giallo…

del Custode del Goolestan


Dany Laferrière non è un autore famosissimo da questo lato del pianeta, ma è molto conosciuto in Canada, dove vive e negli USA. Io l’ho scoperto per caso, mentre razzolavo in un’area ricca di vecchi titoli.

Mi ha colpito la copertina di questo libercolo: una bella foto color seppia di un negrone dalla faccia simpatica, con basettoni anni settanta, che abbraccia con dolcezza un’esile biondina. Il titolo non l’avevo letto e ho sfogliato qualche pagina a caso. Questa canaglia di negro mi è stato subito simpatico. Mi è piaciuto il modo di scrivere, gli argomenti e le innumerevoli citazioni.

Dany è nato nel 1953 ad Haiti e a 23 anni è emigrato in Canada. Il libro narra delle sue esperienze di povero immigrato di colore a caccia perenne di belle ragazze bianche “wasp”, dedite al filantropismo verso i negri bisognosi.

Nel libro, in gran parte autobiografico, Dany vive in un sudicio monolocale di Montreal con Bouba un nero filosofo, che vive in simbiosi con un divano, sul quale mangia, dorme, fa l’amore e, soprattutto, legge il Corano e Freud.

I capitoli sono pieni di riflessioni ciniche in maniera impressionante (l’autore scrive che non ha i mezzi economici per potersi permettere una coscienza), di Sure del Corano, di brani di Jazz, di birra e vino e di “Miz”, cioè di ragazze bianche a caccia di “ebano puro”. Nel sudicio monolocale passano Miz Letteratura, Miz Suicidio, Miz Erba Medica, Miz Gatto, Miz Mistica e tante altre ragazze della Montreal bene che Dany finisce regolarmente per portare a letto.

Messa così magari sembra un libro alla Bukowsky e in effetti, Lui, Miller, Kerouac, Jong ed altri autori del genere sono spesso citati, ma il livello del libro è decisamente più elevato.

Alla prima pubblicazione nel 1985, Come far l’amore con un negro senza far fatica, ebbe un successo strepitoso. E' un libro crudo, diretto, ma divertente. E’ pieno di verità e di ironia. E’ sorprendente questo bel tipo! Intitola un capitolo del libro “come un fiore sul mio c…. negro”. Poi in un altro capitolo, descrive la sua “cassa dei libri", e disquisisce di Hemingway, Miller, Cendras, Bukowsky, Freud, Proust, Cervantes, Borges, Cortàzar, Dos Passos, Mishima, Apollinaire, Ducharme, Cohen, Villon, Lévy Beaulieu, Fenario, Himes, Baldwin, Wright, Pavese, Aquino, Quevedo, Ousmane, Alexis, Roumaine, Marquez, Jong, Alejo Carpentier, Atwood, Asturias, Amado, Fuentes, Kerouac, Corso, Handke, Limonov, Yourcenar. Caspita, ho pensato, fra Bukowsky e la Yourcenar di “Memorie di Adriano” ce n’è di distanza: allora ho a che fare con un eclettico che col quale abbiamo in comune almeno una cinquantina di letture! Mi piace come ragiona e anche come scrive. Riportare un pezzetto dice poco, visto che è mutevole e camaleontico, ma apro a caso e riporto:

Corpi lucidi. Legno d’ebano, 18 carati. Denti d’avorio, Musica reggae. Combustione. Negro in fusione. Una coppia Negro/Bianca che sta copulando, o quasi, sulla pista. Un grande brivido atomico.
Bouba mi presenta.
Mio fratello. Abitiamo insieme
Le ragazze mi sorridono.
Che cosa fai?” mi chiede una di loro.
Scrivo. Scrittore”.
Ah, e cosa scrivi?
Fantasmi”.
Di quale tipo?
I miei.
Ne vale la pena?
Vedremo.
La ragazza con cui parlo guarda un po’ malinconicamente la pista prima di chiedermi cosa ne penso.
Nulla, se non che il Negro e la Bianca sono complici.”
“Complici? In quale delitto?
l’omicidio del bianco. Sessualmente il bianco è morto. Completamente giù di corda. Guarda un po’ sulla pista. Credi che ci sia un solo bianco capace di reggere una tale follia?
Ci vanno giù pesante, l’atmosfera è dura. Selvaggia. Alcuni bianchi sono occupati a gesticolare in un angolo. Il resto non è altro che una marea nera, invadente, straripante. Le donne sono in trappola, immobili come gabbiani le cui zampe sono prigioniere della nafta. Musica brasiliana, lenta, insinuante, languorosa. Atmosfera appiccicosa. Sensualità opaca.
balliamo?”
L’impressione di penetrare in pieno l’umidità amazzonica. Corpi sudati. Allacciati. Come attraversare senza machete questo guazzabuglio di braccia, gambe, sessi e odori aggrovigliati. Sensualità fortemente speziate. Mi si è incollata contro. Silenziosa. La samba ci scava il ventre. Tutto cola. Tutto scorre. Lentamente. Abbiamo dalla nostra l'eternità.
Ritorniamo al tavolo.
“Il tuo discorso sulla sessualità” mi dice senza mezzi termini “E’ una bufala”.
Ah, davvero?
Riprendi semplicemente il mito del Negro Grande Scopatore. Io non ci credo.
E qual è la tua opinione?”
“Per me, Negro e Bianco è la stessa cosa”.

Bene, il bello viene adesso, sempre che vi interessi il genere. Io mi sono rilassato, divertito e compiaciuto di quanto ho letto. Ve lo consiglio certamente.

Eppoi una rosa nera nel mio Goolestan non poteva mancare!
Saluti e buona lettura.

Titolo

Autore
Prezzo
Dati
Anno
Editore
Collana
Come far l'amore con un negro senza far fatica
Laferrière Dany
EURO 5,92
143 p., brossura
2004
Baldini Castoldi Dalai
I Nani
Lo trovi su:





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 luglio 2005 - 14579 letture

In questo articolo si parla di

Leggi gli altri articoli della rubrica libri & cultura