contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Sta per terminare la seconda fase dei lavori di recupero del Foro di Suasa

2' di lettura
2027
EV

Si sta avviando verso la conclusione il secondo lotto dei lavori di recupero e valorizzazione del “Foro” di Suasa grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi.

dal Consorzio Città Romana di Suasa
www.consorziosuasa.it
L’annuale campagna di scavo alla città di Suasa e’ iniziata da pochi giorni.
E’ questo uno degli impegni principe del Consorzio Città Romana di Suasa, che ha permesso in questi anni di riportare alla luce lo splendore di questa città situata nella media valle del Cesano.
Ad oggi, le ricerche e le regolari campagne di esplorazioni annuali del Dipartimento Archeologia dell’Università di Bologna in accordo con la Soprintendenza Archeologica per le Marche, hanno permesso di riportare in luce diversi complessi edilizi, come la Domus dei Coiedii e il Foro della città.
Grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, presto questo imponente complesso potrà presto essere valorizzato per essere immediatamente fruibile non solo agli addetti del mestiere ma soprattutto dai turisti.
Il foro era il centro vitale della città, la piazza centrale delimitata dalle botteghe dove si svolgeva la vita commerciale e politica.
Il progetto di valorizzazione si sviluppa in piu’ fasi e quella che sta per terminare, è la seconda e prevede tra l’altro, un sistema di percorsi colorati in modo da individuare le diverse funzioni ed i diversi spazi come i laboratori o i portici che si affacciavano sulla piazza.
La Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi ha ritenuto importante partecipare a questo progetto di valorizzazione di un patrimonio che è di tutta la comunità marchigiana.
Domenico Guerra, presidente del Consorzio Città Romana di Suasa, nel ringraziare il presidente della Fondazione Dott. Federico Tardioli, sottolinea come “la Fondazione sia istituzione profondamente radicata nel territorio, sensibile e sempre presente nella crescita culturale e artistica della nostra provincia che, è bene ricordarlo, non significa solo prestigio ma anche risorsa economica”.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 giugno 2005 - 2027 letture