contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Ostra Vetere, giovedì il primo consiglio comunale col nuovo regolamento

2' di lettura
2507
EV

All'ordine del giorno il Conto Consuntivo 2004 e la la Variante parziale al Piano regolatore generale.

Convocato dal Sindaco Massimo Bello per giovedì 30 giugno alle ore 16,45 nella sala San Sebastiano il Consiglio comunale di Ostra Vetere. Particolarmente intenso ed importante l’elenco delle proposte di deliberazione iscritte nell’agenda dei lavori dell’Assemblea consiliare.

Si inizierà con l’esame del Conto consuntivo e del Rendiconto di gestione dell’anno 2004 per proseguire con l’approvazione del Regolamento per la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative.

Un altro provvedimento che discuterà il Consiglio comunale di Ostra Vetere sarà l'approvazione definitiva della Variante parziale al Piano regolatore generale, concludendo con l’esame della richiesta degli Istituti riuniti di beneficenza di Ostra Vetere per l’autorizzazione all’alienazione di terreni agricoli.

Approvato, nell’ultima seduta del Consiglio comunale di Ostra Vetere, l’aggiornamento del Regolamento per il funzionamento e l’organizzazione dell’Assemblea consiliare che dal 1996 non aveva avuto più modifiche, nonostante l’introduzione nella legislazione nazionale del Testo unico degli enti locali.

"Un percorso obbligato e necessario – ha commentato il Sindaco Massimo Bello – perché quello vigente dal 1996 conteneva non solo disposizioni ormai superate dalla nuova legislazione, ma anche per la presenza di contraddizioni ed imprecisioni che andavano cancellate da tempo e, per le quali, quindi, si è ritenuto di procedere con una prima lettura di vera e propria ripulitura del testo normativo".

"Un aggiornamento resosi perciò fondamentale - ha proseguito il primo cittadino – per permettere la regolare applicazione di un Regolamento che, fino ad oggi, conteneva addirittura limitazioni ed incongruenze nell’attuazione di principi fissati dal Testo unico degli enti locali".

"Ora, dopo questo primo passaggio, che è la naturale conseguenza della modifica dello Statuto comunale avvenuta nel dicembre scorso, stiamo già esaminando le proposte di adeguamento del Testo unico degli enti locali che il Parlamento sta discutendo in queste settimane per prepararci ad eventuali e possibili aggiornamenti".

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 giugno 2005 - 2507 letture