x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Danza protagonista ad Inteatrofestival

2' di lettura
4092
EV

Dopo il grande successo dei Les Colporteurs a Senigallia, prosegue a Polverigi il cartellone di Inteatrofestival.
Il 25 e 26 giugno appuntamento a Polverigi con Fatti di danza.

Danza protagonista ad Inteatrofestival questo fine settimana, per una due-giorni tra Villa Nappi e Teatro della Luna a Polverigi che accoglierà giovani coreografi e danzatori provenienti da tutta Europa e da alcuni tra i maggiori centri di ricerca e formazione europei.

Fatti di danza è la seconda iniziativa del cartellone di Inteatrofestival, evoluzione del Festival Internazionale Inteatro che si articola quest’anno in 5 progetti tematici proposti in varie città della provincia di Ancona: dopo il grande successo dell’evento inaugurale al Teatro La Fenice di Senigallia, lo spettacolo Diabolus in musica dei francesi Les Colporteurs, nel giorni di sabato 25 e domenica 26 si avvicenderanno performance, incontri e una sorpresa: l'annuncio della creazione di IFA Inteatrofestival Academy intitolata a Domenico Mancia, il fondatore di Inteatro recentemente scomparso. Ifa – la cui sede sarà a Villa Nappi – avrà un programma permanente di formazione e ricerca a carattere intensivo e residenziale, e approfondirà il rapporto tra la creazione coreografica e le altre arti performative; vi potranno accedere danzatori, coreografi, attori, registi, provenienti da tutta Europa.

Al Teatro della Luna, sabato e domenica alle ore 21, verranno mostrati i lavori di 4 centri di ricerca internazionali maturati nel quadro del progetto europeo CIMET. Il 25 giugno saranno presentate due performance dell’Accademia sperimentale di Salisburgo SEAD (Pigs can't fly, teatro danza con musica dal vivo e canzoni originali; The Prophecy, un breve studio sulle possibilità del movimento e della voce) e uno di Body Unlimited (Novi Sad), ispirato all’opera di Beckett, dal titolo That’s the show, free gratis and for nothing.

Domenica sempre alle ore 21 En Knap_Agon (da Ljubljana) presenterà Gallery of dead women, un omaggio ad Hamletmachine di Heiner Müller; segue la coreografa anconetana Rebecca Murgi con un lavoro elaborato assieme a sei giovani danzatori provenienti da Slovenia, Austria, Italia e Francia, riuniti nel progetto 4U.

L’ingresso agli spettacoli sarà di 5 euro, otto euro per entrambe le serate.

Il tema della “Danza in Europa. La formazione dal corpo alla scena” sarà al centro di un seminario internazionale che si svolgerà a Villa Nappi sabato pomeriggio (ore 15,30-18,30) e domenica mattina (ore 10,30-13). l seminario vuole affrontare la questione della formazione dei coreografi e dei danzatori a fronte di una spiccata tendenza della danza europea ed attingere sempre di più in ambiti performativi diversi. L’ingresso al seminario è gratuito.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 25 giugno 2005 - 4092 letture