contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

A Castelleone di Suasa parte il ciclo di incontri contro la crisi economica

2' di lettura
1491
EV

Il numero delle imprese presenti sul territorio senigalliese continua a diminuire e Confartiginato avvia una serie di incontri per analizzare la situazione economica. Il tour parte questa sera dal comune di Castelleone di Suasa.

da Confartigianato
In un momento di grandi trasformazioni e in una fase economica difficile per le piccole imprese, Confartigianato ritiene doveroso effettuare una verifica delle singole situazioni territoriali, analizzando i fattori di successo e gli elementi di debolezza, definendo insieme con le Istituzioni una prospettiva ed un progetto per il futuro.

Si cominca giovedì 23 giugno alle ore 21 presso il Comune di Castelleone di Suasa “Grotte Comunali”. All’assemblea pubblica organizzata da Confartigianato “oltre la contingenza: situazioni e prospettive dell’economia di Castelleone” parteciperanno il Sindaco Giovanni Biagetti, Giorgio Cataldi segretario della Confartigianato provinciale di Ancona, il delegato comunale di Confartigianato Giuliano Sebastianelli, e il responsabile sindacale della Confartigianato di Senigallia Filippo La Rosa.

L’intero comprensorio di Senigallia nel primo trimestre dell’anno ha perso 78 aziende artigiane, una anche nel comune di Castelleone di Suasa dove in totale le imprese artigiane sono 76.

L'economia del Comune di Castelleone di Suasa deriva in massima parte dell'attività agricole, florovivaistiche, artigianali, commerciali e della media e piccola industria nei settori della minuteria metallica, del mobile, delle confezioni e delle calzature. Il suo territorio offre molteplici ed interessanti riferimenti artistici, storici ed architettonici da valorizzare come risorsa turistica. Oggi sarà l’occasione per analizzare a fondo la situazione economica.

L’artigianato e le piccole e medie imprese rappresentano gran parte del tessuto imprenditoriale. Ma non godono di trattamenti privilegiati, ogni giorno si confrontano con le difficoltà del mercato contando soltanto sulle proprie forze, senza utilizzare alcun “paracadute”. Confermiamo l’impegno a fare la nostra parte, sottolinea la Confartigianato.

Ma pretendiamo di essere ascoltati e rispettati in ragione della nostra rappresentatività e del contributo che offriamo all’economia e alla società.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 23 giugno 2005 - 1491 letture