contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Fattorie in Festa, una vetrina delle eccellenze nostrane

3' di lettura
1552
EV

Si è conclusa con successo “Fattoria in Festa” , la manifestazione promossa da Cia Marche cvhe si è svolta a Scisciano di Maiolati Spontini. Una vetrina delle eccellenze che ogni anno misura l’evoluzione della qualità e il valore aggiunto che fa la differenza tra le produzioni tipiche locali con le imitazioni o con le produzioni provenienti ormai da ogni parte del mondo.
Soddisfatti il sindaco di Maiolati Giancarlo Carbini e il presidente di Cia Marco Giardini.

da Cia Marche
Ed è questo il nuovo campo su cui si deve giocare dopo la cosiddetta globalizzazione del libero mercato il quale però, è stato sottolineato, richiede regole da rispettare uguali per tutti i produttori e paesi esportatori.
Alla riforma della politica agricola comunitaria, e quindi anche al libero mercato, la CIA risponde con un nuovo patto con la società e soprattutto con un nuovo modello di sviluppo che si basa sulla competizione di alta qualità e sulla multifunzionalità dell’agricoltura.

Sono stati questi i temi al centro di una interessante tavola rotonda che si è svolta domenica scorsa, in occasione di Fattoria in Festa, a Maiolati Spontini, alla quale hanno partecipato tra gli altri il presidente della CIA provinciale di Ancona Marco Giardini, la dirigente Nazionale della CIA Carla Donnini, il Presidente della Provincia di Ancona Enzo Giancarli ed il neo assessore all’agricoltura ed alla P.I. Carla Virili, il sindaco di Maiolati Spontini Giancarlo Carbini e l’assessore all’ambiente Fabrizio Mancini, il Presidente della CIA del Trentino Flavio Pezzi e tante altre illustri personalità ed esperti del settore.

Agli Enti Locali è stato chiesto di attuare subito la legge d’orientamento nazionale (228/01) che tra le altre misure prevede anche quella di affidare tramite convenzione agli agricoltori alcune mansioni tipo quella sulla manutenzione del suolo agricolo, corsi d’acqua e verde urbano. Interessante anche l’aspetto riferito alle energie integrative (biodiesel, ecc.).

Un altro tema al centro dell’iniziativa ha riguardato quello dell’etichetta con il doppio prezzo, quello relativo al costo pagato al produttore e quello riferito all’acquirente. Una questione di trasparenza per la quale la CIA è impegnata a raccogliere migliaiadi firme per ottenere una legge ad hoc. Un bilancio positivo che si è caratterizzato anche nel pomeriggio con l’ormai importante appuntamento enogastronomico e vetrina espositiva di alcune eccellenze marchigiane.

La novità di questo anno è stata quella di una nuova linea produttiva di formaggio pecorino aromatizzato con il Vino Lacrima di Morro d’Alba “La Luna Nera” e dalla nuova guida “Strada delle Fattorie” che si è ulteriormente arricchita con la presenza di numerose aziende agrituristiche, alcuni alberghi e luoghi di acquisto delle eccellenze presentate nell’iniziativa.




ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 giugno 2005 - 1552 letture