contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Corso di formazione sull'emergenza sanitaria territoriale

1' di lettura
5463
EV

Cento medici marchigiani potranno conseguire l’idoneità per accedere al servizio 118.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it
Su proposta dell’assessore alla Sanità Almerino Mezzolani, la Giunta regionale ha approvato una deliberazione che prevede lo svolgimento del corso di formazione per il conseguimento dell’idoneità all’esercizio dell’ attività di emergenza sanitaria territoriale.
Il corso della durata di almeno 4 mesi, per un orario complessivo non inferiore alle 300 ore, è rivolto prioritariamente ai medici titolari di rapporto convenzionale per la continuità assistenziale a tempo indeterminato e in subordine agli iscritti nella graduatoria regionale dei medici aspiranti al convenzionamento.
“E’ necessario puntare sulla formazione delle risorse umane – ha sottolineato Mezzolani – per implementare in futuro gli organici dei medici che svolgono attività presso le Centrali Operative del 118.
Attraverso questo progetto formativo acquisiamo ulteriori professionalità utili per il sistema delle emergenze-urgenze a beneficio di tutta la collettività marchigiana.”
Al fine di ottimizzare l’organizzazione e i costi del programma formativo, le sedi indicate per lo svolgimento del corso sono state individuate presso le Zone Territoriali dell’ASUR n. 1 di Pesaro, n. 7 di Ancona, n. 9 di Macerata e n. 13 di Ascoli Piceno.
Il contingente totale dei medici da ammettere alla formazione è di 100 unità, con 25 partecipanti per ciascuna sede di corso. Per essere ammessi gli aspiranti dovranno essere in possesso del diploma di laurea in Medicina e Chirurgia, dell’abilitazione all’esercizio della professione, dell’ iscrizione all’Ordine dei Medici chirurghi e degli odontoiatri e di altri requisiti indicati nella delibera di Giunta. Le istanze di ammissione al corso potranno essere presentate dopo la pubblicazione dello schema di domanda sul BUR Marche.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 giugno 2005 - 5463 letture