contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Fattorie in festa

3' di lettura
2005
EV

Le fattorie della Marca di Ancona domenica prossima, 19 giugno, a Scisciano di Maiolati Spontini si riuniscono a festa per marcare le loro realizzazioni, le loro innovazioni, i passi in avanti da loro compiuti nel comparto dei prodotti tipici riscoperti ed anche innestati con modernità su vecchie esperienze enogastronomiche delle campagne marchigiane.

dalla C.I.A. Ancona
L’appuntamento, infatti, è annuale ed è promosso dalla Confederazione Italiana Agricoltori (CIA provinciale di Ancona) – che della valorizzazione dei prodotti tipici di fattoria ha fatto uno dei suoi principali impegni per l’avanzamento e la caratterizzazione dell’agricoltura – inoltre dalla Provincia di Ancona e dal Comune di Maiolati Spontini.
Il programma della festa: alle 13 pranzo sociale, alle ore 16 mostra (dell’artigianato locale e di macchine agricole d’epoca) dei prodotti di fattoria (vino, olio, miele, formaggi, salumi, dolciumi, ecc.), oltre che di specialità gastronomiche come la porchetta di Scisciano, la frittata con l’erba caciola di Maiolati, la “Venella” (guancia di maiale) di S. Elia, lonzino di fico, crescia di polenta ed altre delizie per il palato dei visitatori.
Non mancherà l’animazione musicale con “Vicanto” e “L’albero di maggio”.
Ma non sarà solo una bella festa di fine primavera.
Il mattino nella sala del Municipio di Maiolati Spontini si terrà un convegno – presieduto da Marco Giardini, presidente provinciale CIA Ancona- sul tema della “multifunzionalità agricola nelle colline”, un tema strettamente legato all’entrata in vigore della riforma UE della Politica Agricola Comune (PAC) con nuove procedure, accentuata liberalizzazione e, nel giro di alcuni anni, la fine dei contributi integrativi comunitari per talune coltivazioni.
I primi effetti si sono già avvertiti con la preoccupante caduta del prezzo del grano. Di qui la ricerca appunto di altre funzioni da parte degli agricoltori e delle loro associazioni come la CIA, la quale, in proposito, ha sollecitato il varo di una legge regionale legata ad una legge quadro già approvata dal Parlamento.
Multifunzioni ovvero ancora sviluppo del settore prodotti tipici locali ed aziendali, turismo verde, corsi scolastici di storia rurale, manutenzione delle aree verdi urbane (giardinaggio), affidamento alle aziende agricole del ruolo di presidio a difesa del suolo e del paesaggio, nuove coltivazioni (ad esempio, frutteti: al convegno sarà ospite una cooperativa trentina produttrice di mele). Una prospettiva, questa della multifunzionalità, da ritenersi in grado di richiamare nelle campagne energie giovani, con idee di progresso ed innovazione naturalmente legate a quelle energie.
Dopo il saluto del sindaco Giancarlo Carbini interverranno (anche su altri temi) il presidente della Provincia di Ancona, Enzo Giancarli e il neo assessore all’agricoltura Carla Virili, l’assessore comunale Fabrizio Mancini, Carla Donnini (dirigente naz.le CIA), che si intratterrà appunto sulla legge quadro di orientamento, Bruno Mezzetti, docente della Università Politecnica delle Marche (progetto frutticoltura nell’Anconetano) ed anche Flavio Pezzi, presidente reg.le CIA Trentino, che illustrerà le esperienze in quella provincia nella coltivazione e commercializzazione della mela.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 18 giugno 2005 - 2005 letture