contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Il sindaco Massi denuncia il degrado dell'area dell'ex ''L. & R.''

2' di lettura
1643
EV

Il sindaco di Serra de' Conti Bruno Massi ha trasmesso al giudice delegato e al curatore fallimentare che seguono la pratica del fallimento del calzaturificio "L. & R." di Serra de' Conti una lettera in merito alle attuali condizioni di degrado dell'area in cui sorge il fabbricato che ospitava l'opificio della ditta.

da Bruno Massi
sindaco di serra de' Conti
In relazione all’area ex Calzaturificio “L. & R.” sita in Via Santa Lucia di questo comune si torna a segnalare che la stessa si trova in un evidente stato di degrado.
Sterpaglie cresciute ovunque sono causa di un continuo ricettacolo di rifiuti di ogni genere, di materiale accatastato ormai in decomposizione e sparpagliato sui piazzali; tettoie per parcheggi e deposito in stato di dissesto, con coperture in eternit amianto, il tutto senza una protezione che ne impedisca l’accesso, e perciò spesso luogo di sosta per persone dalle intenzioni non ben definite.
In tale situazione non viene rispettata l’ordinanza per la pulizia ed il decoro del nostro territorio, e si chiede al comune di sostituirsi ai responsabili di quell’area, scaricando in tal modo i costi sulla comunità serrana.
Inoltre il procedimento per l’alienazione dell’area procede a ritmi “geologici” e la nostra comunità risulta danneggiata da questa situazione, tanto che il comitato preposto per l’assegnazione della bandiera arancione al nostro comune ha motivato il diniego principalmente per lo stato di degrado di questa area posta all’ingresso del paese.
E’ per questo motivo che, oltre a rinnovare l’invito a far eseguire la pulizia dell’area in argomento, sollecitiamo ad accelerare il procedimento per l’alienazione dell’immobile, anche perché la difficile situazione economica e sociale dovrebbe consigliare a tutti di operare con la massima sollecitudine per risolvere problemi come questi.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 17 giugno 2005 - 1643 letture