contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Per L'Espresso sono ''Marche d’autore''

2' di lettura
1752
EV

Agostini e Solari: “Una regione da scoprire anche per la stampa nazionale”.

dalla Regione Marche
www.regione.marche.it
“Dopo il New York Times è ora L’Espresso a decantare le Marche come la nuova regione del turismo italiano. Un apprezzamento che arriva proprio all’inizio della stagione turistica estiva e che rappresenta, per tutto il settore della vacanza e dell’ospitalità, un biglietto da visita autorevole, da esibire con orgoglio, continuando, però, a lavorare per qualificare l’offerta e la visibilità delle Marche”. È il commento degli assessori regionali al Turismo, Luciano Agostini, e alla Cultura, Giampiero Solari, al servizio che il settimanale L’Espresso, in edicola, ha dedicato alla nostra regione, presentandola come “Marche d’autore”. “Entrambe le testate – sottolineano Agostini e Solari – parlano delle Marche come la nuova Toscana. Essere equiparati a regioni autorevoli per la ricchezza del patrimonio culturale, indubbiamente fa piacere e contribuisce a diffondere quell’immagine di qualità che rappresenta il valore aggiunto del nostro territorio. I riconoscimenti che stiamo ricevendo, se da un lato gratificano amministratori e operatori locali, dall’altro devono spingerci a non abbassare la guardia. A percorrere nuove strade che possano esaltare, ancora di più, l’offerta turistica regionale, le peculiarità dei singoli centri, l’enorme patrimonio storico culturale di cui disponiamo. Perché se è vero che le Marche reggono il confronto con altre realtà, è anche vero che possono vantare aspetti non riscontrabili in altre situazioni e che le due testate hanno ben evidenziato. Siamo l’Italia segreta e raccolta, meno affollata, dove è possibile vivere ancora a misura d’uomo, senza i ritmi e le frenesie che contraddistinguono il nostro Paese. Dove il turismo si basa sulla tranquillità, sull’equilibrio con l’ambiente, dove il patrimonio culturale e la ricchezza enogastronomica rappresentano elementi caratterizzanti di ogni singolo borgo. Se, allora, sempre più spesso la grande stampa – nazionale e internazionale – dedica servizi e reportage alle Marche, sta a noi marchigiani non disperdere questa opportunità offerta, puntando sul turismo, sulla qualità della vita e sul valore delle proposte culturali, come occasione concreta per sostenere lo sviluppo economico della regione”.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 giugno 2005 - 1752 letture