contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Tensione alla Puccini, un ateo si rifiuta di votare

1' di lettura
4868
EV

"Togliete quel crocifisso o non voto". I cattolici non sono stati i soli ad optare per l’astensione. A Senigallia è stato perfino un ateo dichiarato a rifiutarsi di partecipare alla consultazione referendaria sulla procreazione assistita.

di Guido Fabbri
guidofabbri@vsmail.it
e Michele Pinto
michele@viveresenigallia.it
La scena verificatasi ieri mattina al seggio 19, quello della scuola elementare “Puccini”, è in realtà un dèja vu.
Già il 3 aprile scorso infatti, in occasione delle elezioni amministrative Fiorenzo Nacciariti, membro dell'Unaar (Unione atei agnostici razionalisti), era entrato nell'aula che ospitava il seggio pronunciando la stessa frase ripetuta ieri: "O togliete il crocifisso appeso alla parete o rinuncio a votare".

Come nell'ultima consultazione elettorale la presidente di seggio ha dato la disponibilità a togliere temporaneamente il crocifisso, per permettere a Nacciariti di votare.
Questa volta però non è bastato. Nacciariti ha chiesto di lasciare al segretario di seggio, in modo che venisero verbalizzate, copie di alcune sentenze che suffragano il diritto a votare senza il crocifisso.

A questo punto la presidente di seggio ha chiesto l'intervento della forza pubblica.
Dopo il rifiuto di esprimere il proprio voto senza leggere o far verbalizzare le sentenze, Nacciariti è stato allontanato.


Una rettifica a questo articolo si può leggere qui:
http://www.viveresenigallia.it/modules.php?name=News&file=article&sid=6762.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 giugno 2005 - 4868 letture