contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Un'estate da non perdere con il Mamamia

5' di lettura
1626
EV

Dopo il grandissimo successo di pubblico della Bandabardò, che si è esibita sabato scorso di fronte ad una moltitudine di persone arrivate a Senigallia da tutto il belpaese, sono stati definiti i concerti del festival mamamiaEstate’05…

dal Mamamia Alternative Music Club
www.mamamia.it
Il prossimo concerto è il 25 giugno.
Più che un concerto è un vero e proprio festival, il “Krang Festival”, a base di suoni duri e chitarrossi, che vedrà di scena gli Atomic Ants, band bolognese a cavallo fra Metal, Funk, Crossover e tanto altro. Il loro sound si inoltra attraverso coordinate oblique non lasciando nulla di intentato.
Immaginare dove il suono delle Formiche Atomiche possa arrivare è difficile, poichè le poliedriche facce del loro comportamento musicale si nascondono e compaiono improvvisamente, lasciando spiazzati.
A seguire suoneranno i londinesi Million Dead, formatisi a Londra nel 2001, con Cameron Dean alla chitarra, Julia Ruzicka al basso, Ben Dawson alla batteria e Frank Turner alla voce. Infine, nella stessa serata saranno di scena sul palco del Mama i Linea 77, una delle band italiane più apprezzate nell’ambito del crossover internazionale.
Dopo aver fatto più di dieci anni di gavetta i Linea sono arrivati alla maturazione con un disco straordinario, Numb, registrato ai Red House Studios di Senigallia sotto la guida di Haggis Offal, fondatore dei Senser e produttore di Dub War e Ozric Tentacles.
Tra gli ospiti spiccano i Subsonica, in "66 (Diabulus In Musica)", e Roy Paci con i suoi Aretuska, che colorano di fiati "Wharol".
Liberandosi da scorie di routine e manierismi la band sa giocare libertà e coraggio tra rock duro, raggae, elettronica, hip-hop, scatenando un assalto fisico inarrestabile, che lascia storditi e soddisfatti.

Sabato 16 luglio ci sarà il gradito ritorno, dopo lo straordinario successo dello scorso anno, di Daniela Mercury, conosciuta come la Queen Of Axe, la Mercury, (vero nome Daniela Mercuri de Almeida Povoas) è un’autentica star in Brasile, suo paese d’origine, e nei paesi dell’America latina. Si tratta di una vocalist che riesce a miscelare ottimamente i ritmi della samba, del reggae con quelli più tropicali, percussivi ed elettronici, grazie ad una band che sa sempre supportarla ottimamente.

Il 29 luglio saranno di scena gli Olodum.
Ancora un ensemble brasiliano, che mantiene vive le radici culturali dell’Africa Nera.
Il Gruppo Culturale Olodum è stato fondato nel 1979 dagli abitanti del distretto Maciel-Pelourinho di Salvador de Bahia, con l’intenzione di agevolare questi cittadini nel loro diritto di partecipare al Carnevale come gruppo organizzato o “bloco” (gruppo di sole percussioni).
Olodum, nei suoi sedici anni di vita, è cresciuto da 800 a più di 3.000 partecipanti alla sfilata del Carnevale.
Come dichiarano loro stessi, “Olodum è un’entità alla ricerca del recupero dei valori e della preservazione della cultura Nera, facendo della lotta anti-razziale uno dei princìpi fondamentali”.
La fama di Olodum in Occidente arriva con “The Rhythm of the Saints”, cd e tour di Paul Simon. Anche Michael Jackson ha voluto registrare nel Pelourinho la canzone e parte del video “They Don’t Really Care About Us” con Olodum. Olodum è sotto il patrocinio dell’UNICEF in Brasile

Il 13 agosto arrivano Elio e e le Storie Tese con il loro carico di ironia e freschezza, con idee sempre nuove da trasmettere al pubblico.
Facile dire che certi dischi del passato erano meglio, a cominciare dall'ultimo.
Però con Elio certe critiche si spuntano subito, come le matite con la mina difettosa; perché hai un bel dire che le canzoni volano in basso, che si attaccano troppo facilmente ai luoghi comuni - in realtà il signor E vuole giusto quello, e più si scende nel pattume, nella discarica (in)civil-televisiva, più lui ci guazza e si diverte.
No, loro sono volutamente senza decenza, senza decoro: per sbeffeggiare il grande popolo dei coatti adolescenti e degli snob ricconi.
E’ sufficiente per questo ascoltare le loro canzoni.

Il 20 agosto il Mamamia preannuncia l’evento dell’estate con il Tora Tora Festival, il grande festival musicale itinerante con il meglio della produzione Italiana, dove saranno presenti Afterhours con un cast ancora da definire.
E’ l’unico grande rock-festival italiano viaggiante, nato alcuni anni fa da un’iniziativa congiunta tra il leader degli Afterhours, Manuel Agnelli, e l’etichetta di Valerio Soave, la Mescal.
Ci saranno 2 palchi per 10 gruppi e per 10 ore di musica!

Il 27 agosto saliranno sul palco del Mamamia i Negrita.
Dopo il successo delle prime date del nuovo tour, saranno di nuovo protagonisti della scena live italiana con il loro spettacolo ricco di energia. "L'uomo Sogna Di Volare Tour", che porterà la band aretina nelle piazze e nei locali di mezza Italia, è ripreso da poco. Pau (voce), Drigo (chitarra), Mac (chitarra) e Franky (basso) ripropongono, anche in questa seconda parte del tour, un'inedita formazione dei Negrita, con il batterista Cristiano Dalla Pellegrina (ex degli Extrema) e il giovanissimo percussionista brasiliano Itaiata Josè De Sa, che per le prime date sostituisce Peu Meurray. Due ore di musica e di successi, emozioni e sudore, dove i pezzi nuovi, tratti dall'album "L'Uomo Sogna Di Volare" (uscito il 28 gennaio), si mescolano a quelli storici della band. Il tutto tra ritmi, melodie e scosse elettriche portati sul palco dal gruppo di Arezzo.
"Questa serie di concerti sono particolari", ha commentato il frontman Pau, "Lo spettacolo è molto colorato e scoppiettante. A prescindere dalle contaminazioni rimane uno spettacolo rock. Non possiamo lasciare il rock da una parte per adottare un altro tipo di musica".

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 09 giugno 2005 - 1626 letture