contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Notevoli danni per il nubifragio abbattutosi ieri mattina su Senigallia

2' di lettura
1628
EV

Ad essere colpita in particolare è stata la zona costiera a sud della città tra il Ciarnin e Marzocca.
L’allarme è scattato soprattutto per il cedimento degli argini in cemento di un piccolo fosso nella zona del Ciarnin, proprio a ridosso del ristorante Bano e dell’albergo Roma.

di Guido Fabbri
guidofabbri@vsmail.it
Il cedimento ha provocato lo scivolamento nel letto del rivolo, largo meno di tre metri, di gran parte del terrapieno che fa da sponda al corso d’acqua sul lato sud.
Nel fosso, trascinato dal cedimento della spalletta in cemento, è finito anche un albero.
La situazione si è subito presentata critica perché la terra ed il tronco finiti nel fiumiciattolo avevano creato una vera e propria barriera che ostruiva il normale decorso dell’acqua verso il mare.
Un’eventuale ondata di piena avrebbe provocato lo straripamento del fosso con danni incalcolabili per le adiacenti strutture.
La circostanza non si è per fortuna verificata sia perché la precipitazione per quanto intensa è stata di breve durata, sia perché la pioggia ha interessato soltanto la zona costiera e non la parte più interna del territorio, cosa che ha reso impossibile il formarsi di un’ondata di piena.
Polizia municipale, Vigili del Fuoco ed operai del servizio ambiente del Comune hanno lavorato intensamente per delimitare la zona pericolosa prima e per liberare il letto del fosso da terra, tronchi e sterpaglie poi. Per l’intera mattinata ed in qualche caso fino al pomeriggio inoltrato quasi tutti i sottopassi ferroviari di collegamento tra la statale Adriatica ed il lungomare sono rimasti impraticabili.
In particolare risultavano allagati quelli di Marzocca dove anche il lungomare si è trasformato ben presto in un fiume per l’impossibilità del sistema fognario di smaltire l’enorme quantità di pioggia caduta.
Allagamenti si sono registrati anche nella zona del Ponterosso.
In città il centralissimo sottopassaggio di via Perilli è rimasto chiuso per molte ore con notevoli disagi anche per la circolazione stradale.
Nessun problema invece né nella zona nord della città, né nell’entroterra dove la pioggia non ha raggiunto la stessa intensità registratasi nella zona sud.
La situazione è tornata faticosamente alla normalità nel pomeriggio.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 07 giugno 2005 - 1628 letture