x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

I genitori inascoltati

3' di lettura
1811
EV

In merito alle precisazioni del Sindaco Purgatori pubblicate su Vivere Senigallia, in data 18 Maggio, in relazione all'articolo: “La scuola difficile di Arcevia e Serra de' Conti”, ci sentiamo in dovere di replicare e di sottolineare le affermazioni poco precise e i vuoti di memoria che emergono dalla Comunicazione del Sindaco.

dal Comitato dei Genitori di Castiglioni-Avacelli-Prosano

Ricordiamo al Sindaco che siamo nell'anno 2005, il feudalesimo è stato superato da diversi secoli, viviamo in uno stato democratico che, con l'ingresso nella Comunità Europea, sta cancellando idealmente anche i confini Nazionali. Per tali motivi il suo parlare di “Coscienza civica di appartenenza a un territorio” (comunale) non può che apparire come semplice e ridicolo CAMPANILISMO ANACRONISTICO di chi dimostra orizzonti esageratamente limitati.
In relazione all' “adeguato trasporto degli alunni presso la scuola materna di Conce” organizzato dall'amministrazione Comunale di Arcevia il Sindaco DIMENTICA che non è a Conce che gli alunni (le famiglie) vogliono andare bensì a Serra de' Conti. Si ricorda al Sindaco che le famiglie possono liberamente scegliere di iscrivere i loro figli alla scuola che ritengono più idonea alle proprie esigenze (idoneità dovuta a diversi elementi: distanza, strutture, metodi e quant'altro).
Si precisa inoltre che i plessi di Arcevia Serra de' Conti (e Montecarotto) fanno parte di un unico Istituto Comprensivo, in base a ciò avremmo anche le carte in regola per chiedere ad Arcevia il servizio trasporto per Serra de' Conti, ma non OSIAMO tanto (facciamo appello al nostro “senso civico”!). Non possiamo però permettere che vengano attuati “posti di blocco” o alzate barriere per impedire al Comune di Serra de' Conti di transitare nel territorio Arceviese e prelevare gli alunni di Castiglioni iscritti nel plesso di scuola materna di Serra de' Conti.
In relazione all'affermazione del Sindaco “Non è intenzione di questa amministrazione vietare a chiunque di fare scelte proprie nella sfera scolastica” RILEVIAMO semplicemente che L'AMMINISTRAZIONE DI ARCEVIA E' IN GRAVE CONTRADDIZIONE CON SE STESSA.
Ciò che viene affermato, infatti è l'esatto contrario di quanto gli amministratori stessi stanno mettendo in atto SCAVANDO trincee assurde e VERGOGNOSE.

L’INCONTRO CON GLI AMMINISTRATORI

Alla presenza di numerosi cittadini di Castiglioni, Avacelli e Prosano di Arcevia, si è tenuto venerdì 20 Maggio un incontro con il Sindaco del Comune di Serra de' Conti Bruno Massi e l'assessore alla cultura del Comune di Arcevia Franco Fiori (il Sindaco di Arcevia Silvio Purgatori pur contattato più volte ha preferito non partecipare) per discutere sulla questione del trasporto alunni di Castiglioni Avacelli e Prosano presso la scuola materna di Serra de' Conti.
Fin dall'inizio del corrente anno scolastico si è venuta, infatti, a creare una situazione di notevole disagio per le famiglie degli alunni di scuola materna delle frazioni di cui sopra, ai quali il Comune di Arcevia non garantisce più il trasporto per Serra de' Conti.
Anzi, l'amministrazione Comunale Arceviese non si limita a ciò, perchè interviene ponendo precisi divieti e IMPEDENDO al pulman di Serra de' Conti, disponibile a prelevare gli alunni di Castiglioni (come il Sindaco Massi ha ribadito), l'ingresso nel territorio Arceviese.
L'assessore Franco Fiori ha parlato di programmi e di scelte dell'amministrazione comunale finalizzate ad arginare il fenomeno del progressivo spopolamento al quale il territorio è soggetto. I cittadini presenti hanno ribadito che le scelte dell'amministrazione non possono essere di ostacolo alle esigenze delle famiglie, né si può violare il diritto di scelta delle famiglie rispetto alla scuola presso la quale iscrivere i propri figli.
Al termine di un ampio dibattito l'Assessore Fiori si è impegnato ad attivarsi per risolvere, in modo positivo, il Problema entro il termine del corrente anno scolastico.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 31 maggio 2005 - 1811 letture