Savini: Venite in consiglio a vedere per chi avete votato

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Un'opposizione unita e rammaricata dopo gli accaduti di ieri al primo consiglio comunale. Ecco cosa ne pensano i componenti della minoranza.

di Eleonora Di Terlizzi
eleonora@viveresenigallia.it


La minoranza si dice seriamente preoccupata per il futuro della città dopo ciò che è accaduto ieri al primo consiglio comunale.
Una opposizione sicura di sè che si mostra unita e coerente nelle sue posizioni.
Gabriele Girolimetti(AN) parla di una giunta che si contrasta da sola e che al suo interno ha conflitti di interesse non indifferenti, come il caso di Velia Papa che ha ricevuto ieri la nomina di assessore nonostante il suo ruolo all'interno della Fenice.
Lucio Massacesi (AN) dichiara incoerente la maggiaronza che si è detta unita durante le elezioni per mostrarsi divisa già al primo consiglio.
Vincenzo Mastrantonio(AN)"Anche se non sono un politico ritengo che ieri in consiglio sia stato un buon inizio per noi e pessimo per la maggioranza".
Fabrizio Marcantoni (Per Senigallia) afferma: "E' uno spettacolo indegno quello di ieri, sintomo del degrado politico, la città merita altro. Siamo andati in consiglio convinti di discutere sulle problematiche della città e ci siamo ritrovati a perdere tempo con persone che hanno giocato con la nostra disponibilità".
Vincenzo Savini (Liberi x Senigallia) "Sono uscito ieri sbalordito non solo sul piano politico ma anche e soprattutto umano. Non credo possano fare molto per Senigallia persone così litigiose tra loro e invito tutti i cittadini a partecipare alle riunioni consiliari per vedere tutto con i loro occhi".
Gabriele Cameruccio (UDC) la sinistra fa giochi di potere che allontanano dall'interesse per la città e portano all'incapacità di governare.
Alessandro Cicconi Massi (FI) ribadisce l'unione dell'opposizione che ha già portato i suoi frutti in consiglio. "Dopo i risultati delle elezioni era evidente che alcuni partiti chiedessero maggiore visibilità"
Floriano Schiavoni (FI) parla per l'opposizione che sarà disposta ad incontrarsi sempre e comunque quando ci saranno tali spiacevoli situazioni.
Roberto Paradisi (Liberi x Senigallia) "La votazione su Monachesi è ingiusta, in realtà non siamo in presenza di un conflitto di interessi, ho motivi tecnico-giuridici per dimostrarlo."
Fiore Vittoni(Liberi x Senigallia)"Sono stati spesi 2500 euro per lavorare solo cinque minuti, le decisioni non vanno prese in consiglio"
Enzo Monachesi(per Senigallia)"Se conoscete un sindacalista che vuole entrare in politica ditegli che a Senigallia non è permesso".


Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 aprile 2005 - 2100 letture

In questo articolo si parla di


Anonimo

28 aprile, 01:36
...e il gettone l'avete preso tutti naturalmente!!!

Anonimo

28 aprile, 02:24
L'opposizione unita e coerente su chè? Quali frutti per la citta?Ma se siete usciti dopo l'annuncio di Guzzonato per il rinvio, subito votato!

Anonimo

28 aprile, 13:46
Che voi siate in opposizione "a" qualcuno<br />
e non a qualcosa (visto lo strano mix delle vostre idee politiche) è chiaro, anzi chiarissimo.<br />
Quello che non è per niente chiaro (ed è stato dimostrato in campagna elettorele) è il "per".<br />
La vostra "alternativa" è "per" che cosa?<br />
<br />

Anonimo

28 aprile, 16:29
E' chiaro che tu che stai criticando ti sei accodato al gruppo di pecore che si limitano ad apprendere la notizia dal giornale e che non hai partecipato alla prima seduta. L'opposizione se ne è andata quando si è avuta la prova evidente che era inutile continuare a restare, poichè non era possibile svolgere quelle funzioni per le quali il consiglio è stato convocato. Il rinvio è stato votato dalla maggioranza, per giunta neanche all'unanimità. Non sono stati concordi nemmeno nel disaccordo.

Anonimo

28 aprile, 16:35
E te lo devono spiegare a te,adesso...?Potevi stare a sentire durante la campagna elettorale!<br />
Bisognerebbe perdere meno tempo in tanto sottili quanto prive di senso analisi lessicali...Quando si scende e livello locale la politica dei partiti dovrebbe lasciare spazio ai bisogni dei cittadini.Certamente all'opposizione vi sono persone che si scannerebbero sull'aborto,sulla procreazione assistita,sull'immigrazione,sulle guerre...ecc. ma in consiglio comunale si dovrebbe parlare d'altro.La rotonda è di destra o di sinistra?La promozione turistica è di destra o di sinistra?La viabilità è di destra o di sinistra?Spostare la ferrovia è di destra o di sinistra?Le piscine sono di destra o di sinistra?(a volte le ultime sembrano servire molto alla sinistra...)L'area Sacelit è di destra o di sinistra?<br />
L'opposizione si troverebbe d'accordo su questi argomenti nonostante l'eterogeneità.<br />
La maggioranza sembra un pò più in difficoltà.....<br />
ARTORIUS

Anonimo

28 aprile, 17:08
Sei proprio sicuro di quello che scrivi?In che modo decidere di lottizzare la Sacelit,far gestire la Rotonda,scegliere il tipo di promozione turistica,il tipo di viabilità,dare priorità a questa o quella scelta non rientra in canoni di comportamento amministrativo?Non dipende perciò da valori e programmi?I partiti non rappresentano i desideri,i bisogni e le volontà dei cittadini che li votano?Le minoranze hanno già dimostrato di non concordare nè sui programmi nè sui candidati a sindaco che gli stessi programmi rappresentano. Astrèo

Anonimo

28 aprile, 18:30
Appunto,si tratta di "canoni di comportamento amministrativo" che dovrebbero rispettare i programmi.Per esempio la scelta della massima trasparenza ed apertura negli appalti,l'onestà nelle scelte che devono accontentare la cittadinanza e non gli amici di chi governa,una gestione più partecipativa del governo della città,il dialogo,la meritocrazia,l'imparzialità. Non sono questi canoni di comportamento amministrativo?Non sono condivisibili da destra e da sinistra?Sarebbe quantomeno auspicabile....<br />
Per quanto riguarda i partiti nazionali essi molte volte purtroppo,a destra come a sinistra,non rappresentano i desideri dei cittadini al meglio.Credo che in questo risulti positivo l'intervento di liste civiche e dei movimenti spontanei che rappresentano le molte forme della società civile.<br />
Ti ricordo poi che le minoranze sono tali(e plurali) in quanto hanno perso.In caso contrario avremmo avuto una maggioranza unita,con un sindaco e un programma condiviso.Sono pochi i luoghi nei quali la minoranza è monocolore.....no?<br />
ARTORIUS

Anonimo

28 aprile, 19:18
Si è vero un sindaco e un programma condiviso:da Marcantoni o da Savini o da Massacesi e dalle loro liste separate....no?

Anonimo

29 aprile, 08:46
Ma che dici, Artorius!<br />
E allora, come si poteva scegliere tra Marcantoni, Savini o Massaccesi se tutti dicevano la stessa cosa? (a parte i "valori" che anche a livello amministrativo secondo me contano, e MOLTO!...).<br />
Forse che ritrovarsi in minoranza fa scattare il principio del "mal comune, mezzo gaudio" e tutti si dicono l'un l'altro: "su! volemose bbene"?...

Anonimo

29 aprile, 17:30
Noi ce volemo bene,sò gli altri che se scannano!

Anonimo

10 maggio, 12:55
Alè Floriano Alè Alè!!!<br />
Dai che gli fai il culo...




logoEV