x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Cinema e storia: una grande lezione da Carlo Lizzani e David Grieco

2' di lettura
14618
EV

Nell’ambito dell’iniziativa “Il 900- il secolo dell’interattività” l’associazione culturale Camelot e il circolo Linea d’ombra di Senigallia hanno organizzato un laboratorio cinematografico con i registi Carlo Lizzani e David Grieco.

di Milena Delle Grazie
milena@viveresenigallia.it

Lo sguardo attento del cinema da sempre immortala i vizi, le manie e le verità degli italiani dalla II guerra mondiale al miracolo economico degli anni ’60, passando per la crisi degli anni di piombo del decennio dei ’70 e la confusione degli ’80, per arrivare alla rivoluzione tecnologica dei nostri giorni.
Si è voluto ripercorrere i tumultuosi fatti storici e i radicali cambiamenti socio- culturali del secolo scorso con la proiezione, presso la “Piccola Fenice”, del film “Banditi a Milano”, girato da Lizzani nel ’68 sulla base dei fatti accaduti nel settembre del ’67 che ebbe come protagonisti quattro banditi capitanati dall’operaio comunista Piero Cavallero - interpretato da un grandissimo Gian Maria Volontè - che durante un inseguimento con la polizia dopo una rapina uccisero quattro persone.
“Questi fatti indignarono l’opinione pubblica”- ha detto il regista- “anche per le parole anarchiche che Cavallero pronunciò dopo l’arresto e che ho riportato nel film”.
Un film che in qualche modo anticipa il clima di terrore causato da gruppi politici estremisti che ci sarà successivamente, e lo fa con una modernità di linguaggio cinematografico straordinario che, secondo Grieco “ha fatto storia per il genere poliziesco e d’azione”.
In serata poi è stato proiettato, in anteprima assoluta, il documentario di David Grieco “La favola inventata” sulla falsa storia di un bambino russo cresciuto ed allevato dai cani: un interessante viaggio nei disagi dei piccoli abitanti della Russia.
Si è conclusa così una bella giornata di cinema che ha avuto un assente illustre ma giustificato - Mario Monicelli - e che avrebbe meritato un’adesione maggiore da parte del pubblico, perchè il cinema italiano - come ha detto Lizzani - “ha cercato di contribuire alla formazione democratica del Paese senza riuscirci”.

Si può comunque dire che almeno ci ha provato.

Incontro con registi
Carlo Lizzani
Incontro con registi
David Grieco



ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 21 marzo 2005 - 14618 letture