contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

I Mazzamurei fanno il tutto esaurito

4' di lettura
2229
EV

Domenica 27 febbraio la replica dello spettacolo "ZIBIBO L'IMBRIAG" recitata dai MAZZAMUREI, compagnia teatrale dell'Associazione Culturale Rione Porto, ha fatto il PIENONE di persone e di applausi. Forse ce lo aspettavamo un pochino ma il pubblico presente ha risposto alle battute con calorose risarte e con innumerevoli applausi.

di Ilario Bernacchia
La rappresentazione che non era delle più semplici da recitare perchè era facile a farla sembrare noiosa e pesante è scorsa via in maniera gioiosa e comica.
Il commento del pubblico alla fine è stato unanime nell'attribuire che la comicita della nostra compagnia, rispecchia il carattere dei senigalliesi con un dialetto quasi perfetto e non volgare. La regia curata da Nello Berluti che in scena impersonava Zibibo, ha saputo far animare tutti i personaggi attorno a lui con maestria, aiutato dai consigli di un maestro come Vinicio Mandolini che se non in perfette condizioni di salute, ci ha suggerito quel tanto che serviva per far entrare nella parte tutti gli attori. Nell'intervallo tra il primo e il secondo atto, Giuliana Giraldi e Cino Giulianelli hanno recitato in maniera incomiabile due brani divertentissimi che quasi non riuscivano a finirli perchè interrotti da scroscianti applausi.

Di buon gusto sono state le scenografie che sinteticamente hanno rappresentato la prima via Carducci con Porta Fano e la seconda, un aula di un tribunale sono state realizzate da me con l'aiuto di due validi aiutanti, Franco Petrolati e Agostino Discepoli.

Ma vorrei allungarmi ancora un pò se permetti per poter nominare gli attori che tutti insieme sono stati bravissimi iniziando da Tecla Pasquini e Maria Bartolacci che nella scena sono due inservienti delle pulizie, introducono la comedia.
Originale l'entrata in scena a poche battute dall'inizio della Cesira (Tecla ) sorprendendo il pubblico entrando dal fondo della sala.
Mauro Breccia che rappresentava un passante era in effetti il cancelliere del tribunale.
Il fedele e balbuziente amico Camperio interpretato da Gianni Diamantini, fa sganasciare dalle risate sia prima in via Carducci e poi nel processo come teste a favore dell'imputato.
Il signore distinto inglese Lino Crucini, si trasformerà nell'ufficiale giudiziario.
Un integerrimo avvocato, Sandro Sorcinelli sosterrà poi la pubblica accusa.
Un avvocato Silvano Mosconi che passando per caso incontra Zibibo, dovra poi difendelo dall'accusa di furto ubriachezza e offesa a pubblico ufficiale. La graziosa turista francese Ilaria Bernacchia (12 anni mia figlia) che chede informazioni al protagonista in lingua francese e sarà fraintesa, andrà in aula di tribunale per un servizio fotografico.
Un carabiniere Federico Cimarelli con un accento non senigalliese, arresterà il protagonista Zibibo e gli si scaglierà contro in un dibattimento animato, spalleggiato da Cino Giulianelli anche lui carabiniere nel processo, che nel primo atto rappresenta un operaio della nettezza urbana , amico di Zibibo, ed avrà un diverbio infuocato con Giuliana Giraldi nelle vesti di una vigilessa.
Ma Giuliana, nella prima parte interpreterà una ristoratrice,che con rasagnolo in mano pretende il pagamento del pranzo consumato abusivamente dall'ubriaco Zibibo.
In fine il giudice del processo Roberto Mancini sarà la persona che dall'alto del banco, terrà tutti i personaggi al loro posto, traendo la comicità con destrezza e capacità di un valido attore.
Dietro le quinte oltre ai due tecnici Franco e Agostino, Lina Conditi con i costumi e Silvana Paolinelli nel compito di suggeritrice o rammentatrice e Pepino, parrucchiere da sempre, il nostro truccatoredi fiducia.
Ora le luci si sono spente il sipario si è chiuso le scene sono state riposte.
Tutto è finito, ma nei nostri cuori c'è la soddisfazione e la gioia di quei bellissimi applausi che sono la nostra unica e imparaggiabile ricompensa. Arrivederci a presto con i MAZZAMUREI.



ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 01 marzo 2005 - 2229 letture