x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Bello torna dalla Francia: pronto il gemellaggio con Urzy

4' di lettura
2946
EV

Rientro del Sindaco Massimo Bello e del Vice Assessore allo Sport ed ai rapporti alle associazzioni, Rolando Rossi, dalla visita alla città francese di Urzy, prossima al gemellaggio con il Comune di Ostra Vetere.

dal Comune di Ostra Vetere
www.comune.ostravetere.an.it

Una visita dal 2 al 6 dicembre piena di contenuti per il Sindaco Massimo Bello ed il Vice Assessore allo Sport e ai Rapporti con le Associazioni Rolando Rossi, ai quali è stata riservata una accoglienza davvero lodevole da parte della Comunità di Urzy e dei suoi rappresentanti.

Il Sindaco ed il Vice Assessore di Ostra Vetere, motivati dall’idea europeista di estensione e sviluppo dell’azione amministrativa e dalle opportunità che possono scaturire attraverso gli scambi culturali, turistici ed economici in favore del proprio territorio e dei cittadini del proprio Comune, si sono recati ad Urzy, cittadina francese (situata a nove chilometri da Nevers nella regione della Borgogna) per prendere i primi contatti ufficiali.

Nei tre giorni di permanenza in Francia, il Sindaco Bello ed il Vice Assessore Rossi hanno trovato un'agenda piena di appuntamenti interessanti: visita del centro storico e dei quartieri di Urzy, della biblioteca, del Centro di aggregazione per i giovani, del polo scolastico e dei servizi per la comunità.

Hanno poi visitato la vicina città di Sancerre, paese dei vignaioli, dove hanno avuto la possibilità di stimare il lavoro dei viticoltori, intrattenendosi presso una importante azienda vinicola del posto creata nel 1500, che ha illustrato i loro metodi di produzione e lavorazione delle uve.

Il ricevimento ufficiale della delegazione del Comune di Ostra Vetere con il Consiglio comunale di Urzy, i rappresentanti delle Associazioni locali, imprenditori e con la comunità interessata al gemellaggio, è stato organizzato dal Sindaco e dalla Giunta di Urzy, che hanno manifestato ufficialmente la loro disponibilità a gemellarsi con il Comune di Ostra Vetere.

I cittadini di Urzy, piccolo centro del Dipartimento di Nevers nella Borgogna hanno come attività principale quella agricola, ma sono in aumento anche quella artigianale e commerciale e tutte quelle attività legate al turismo, alla cultura ed all’impresa, “per cui – ha detto il Sindaco di Urzy - è importante correlare progetti e intenti con altre realtà, anche fuori dai confini nazionali, e proiettarsi in Europa per valorizzare ancor di più le municipalità, che ne potranno trarre soltanto dei vantaggi in termini di promozione e di crescita economica del territorio”.

Gli appuntamenti della missione in Francia sono proseguiti, poi, con la visita alla vicina città di Nevers dove la delegazione comunale di Ostra Vetere ha potuto apprezzare, oltre al bellissimo Palazzo ducale del 1500, anche la sala del Consiglio generale del Dipartimento Provinciale, i musei, la cattedrale, la tomba di Santa Bernadette Soubirou, gli insediamenti economici-produttivi, i servizi.

Proseguendo, il Sindaco Bello ed il Vice Assessore Rossi, accompagnati dal Direttore Responsabile della struttura sportiva conosciuta in tutto il mondo, hanno visitato il circuito di Formula 1 di Magny-Cours e, per finire, sono potuti entrare anche nel cuore della Foresta di “Bertranges”, perla verde della Borgogna, accompagnati dal Direttore regionale del Dipartimento dell’Ufficio Nazionale delle Foreste.

L’ultimo giorno, domenica 5 dicembre, con la scoperta dei dintorni e del paesaggio di Urzy, si è concluso il viaggio ufficiale di approccio oltre confine dei Rappresentanti del Comune di Ostra Vetere per il primo gemellaggio europeo. Il prossimo appuntamento è previsto per aprile dell’anno prossimo ad Ostra Vetere, che ospiterà la delegazione di Urzy, che per la prima volta visiteranno il nostro territorio. (M.A.M.)

Le due delegazioni di Urzy ed Ostra Vetere Le due delegazioni di Urzy ed Ostra Vetere Le due delegazioni di Urzy ed Ostra Vetere Le due delegazioni di Urzy ed Ostra Vetere
Clicca per ingrandire

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 13 dicembre 2004 - 2946 letture