x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Sconfitta della Polisportiva Avis nonostante il potenziale

2' di lettura
1983
EV

Inizia con una sconfitta in casa della Sira Dorica Ancona il cammino della Polisportiva Avis nel campionato regionale di pallavolo di serie C maschile, girone "A".

La formazione di coach Monti, per la seconda stagione sulla panchina biancoblu, è entrata in campo con la giusta determinazione vincendo con autorevolezza la prima frazione di gioco (25-19), calando però alla distanza e favorendo il recupero ed il sorpasso dei giovani dorici ex Cus Ancona (23-25, 17-25, 19-25).
Dopo un secondo set molto equilibrato, perso di un soffio, gli ostraveterani hanno infatti ceduto ai locali il comando del gioco, trovandosi in difficoltà sia nella difesa a muro che - nelle fasi centrali di ogni parziale - in ricezione.

Un vero peccato, perchè le potenzialità del team di Ostra Vetere sono ben altre e già nella prima gara casalinga della stagione contro la Rosolani Volley Jesi, in programma venerdì 22 ottobre con inizio alle ore 21 (palestra comunale), ci si aspetta un pronto riscatto da parte di Pasquini & soci.
Questa la rosa a disposizione di Paolo Monti e del vice Marco Sebastianelli (da quest'anno nel duplice ruolo di giocatore e tecnico in 2^): Pasquini e Piermattei palleggiatori, Esposto, Fiacchini, Mansanta e Moroni centrali, Santini Christian e Santini Devid, Bari e Sebastianelli schiacciatori di posto 4, Pulcinelli e Avaltroni schiacciatori di posto 2, Rocchetti libero.

I principali sponsor che hanno "creduto" nella prima squadra targata Polisportiva Avis sono la Banca di Credito Cooperativo di Ostra Vetere (da più di 10 anni a braccetto con il volley) e la ditta BCB electric di Barbara, che accompagneranno i biancoblu nelle palestre della regione fino ad aprile 2005. Senza di loro e dei tanti sponsor "minori" sarebbe impossibile permettere ogni anno la pratica di minivolley e pallavolo agli oltre 150 atleti della Polisportiva.

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 20 ottobre 2004 - 1983 letture