x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

sport: Andrea Guenci fa il bis: campione italiano per il secondo anno

2' di lettura
3924
EV

Si è concluso con grande successo, per il senigalliese portacolori del Team Roller Senigallia, Andrea Guenci, il trofeo nazionale a tappe G. Bergamini.

Per il secondo anno consecutivo Andrea si è aggiudicato questo campionato a tappe ma quest’anno lo fa con superiorità schiacciante sugli altri avversari vestendo sin dalla prima tappa la maglia gialla iridata.
Assistito nelle ultime fasi da suo fratello Mauro, è riuscito a vincere la maggior parte delle tappe e comunque a salire sempre sul podio. Ricordiamo in breve i risultati ottenuti: tra i primi da ricordare, dopo aver sfiorato il titolo al campionato italiano di fondo ad Imola e Casalborsetti piazzandosi per due volte secondo, arrivano i due titoli italiani sui mt. 5000 a Forlì ed alla gran fondo di Castel San Pietro (BO) nella 30 km, il titolo regionale sui mt. 5000, le vittorie di Terni, Cetona, Scandicci, Pesaro, oltre ai secondi e terzi posti di Ferrara, Terni, Forlì, da sottolineare il prezioso piazzamento al terzo posto alla mezza maratona internazionale di Londra che ha visto vincere il suo compagno di squadra Luca Bernacchia e nello stesso giorno vincere la maratona suo fratello Mauro che ha stabilito anche il nuovo record della 42 km londinese.

Una stagione che da aprile ad ottobre, lo ha visto per quasi tutte le domeniche impegnato e concentrato nelle competizioni e nelle sedute di allenamento. “Laurearsi per due stagioni consecutive Campione Nazionale di Lega non è poi così semplice, dichiara Mauro, quest’anno ha poi avuto degli avversari preparati e squadre ben organizzate che gli correvano contro; sono intervenuto io in supporto nelle ultime tappe, solo per farlo stare più tranquillo e sostenerlo psicologicamente, tirandogli le ultime fasi per permettergli di fare delle volate alla pari con gli altri ma comunque ce l’avrebbe fatta lo stesso, magari con una tensione maggiore ma è comunque il più forte, lo dico non perché è mio fratello ma perché tutti possono costatarlo! L’impegno, la costanza e la determinazione, lo hanno premiato ancora consentendogli di vincere gare e titoli italiani. Una stagione nel complesso assolutamente positiva che ci ha visti sempre primeggiare nel settore giovanile, amatoriale e professionistico in Italia, all’estero e che ci ha permesso di segnare altri record mondiali!”.


Anfdrea Guenci, con il fratello Mauro e Lorenzo Manoni

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 14 ottobre 2004 - 3924 letture