x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Arrestato il fornitore degli spacciatori

2' di lettura
3340
EV

Sequestro record a Senigallia. 1,2Kg di varie sostanze stupefacenti sequestrate ad un cittadino ucraino.
Un quantitativo tale da far pensare ad un "grossista della droga" piuttosto che ad un semplice spacciatore.

di Michele Pinto
michele@viveresenigallia.it

H.V., 24 anni, cittadino ucraino è stato fermato nella serata di sabato alle 22:40 in via Leopardi a bordo di un'alfa 145 di proprietà di un cittadino russo.
Non si tratta di un fermo causale, ma del frutto di mesi di indagini del Nucleo operativo Radiomobile dei Carabinieri di Senigallia.
Nell'auto sono stati rinvenuti 510 grammi di hashish e 3900 euro in contanti, un po' troppi per immigrato clandestino disoccupato.
Nell'abitazione che il ragazzo ucraino, condivideva con S. M., 53 anni, operaio edile egiziano a Roncitelli sono stati ritrovati, astutamente nascosti 490 grammi di eroina, 170 grammi di cocaina 24 grammi di Haschis e 78 pasticche di extasy.
Oltra alle droghe sono stati rinvenuti anche tre bilancini di precisione, 4 cellulari e 1500 euro.
Il quantitativo rilevante di droga e le diverse tipologie rinvenute fanno pensare ad un venditore all'ingrosso, che fornisce gli spacciatori e che si rifornisce presso diversi canali.
Le quantità rinvenutue, spiegano i Carabinieri, ci fanno capire anche quali sono le droghe preferite a Senigallia. Il fatto che quasi tutta la cocaina fosse stata venduta è significativo.
La rilevanza del sequestro, senza precedenti in città, avrà effetti nelle prossime settimane, sia a Senigallia che nei paesi dell'entroterra e probabilmente molti drogati e piccoli spacciatori rimarranno a secco.
I due uomini sono stati immediatamente portati nel carcere di Montacuto in attesa che il GIP convalidi l'arrsto. Le indagini nel frattempo continuano in base ai tabulati dei quattro telefonini sequestrati.

La merce sequestrata Un bilancino di precisione La merce sequestrata Hashish Cocaina ed Eroina Extasy
Clicca per ingrandire

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 04 ottobre 2004 - 3340 letture