contatore accessi

x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

Nessun responsabile in farmacia per finanziare un part-time

4' di lettura
2459
EV

Il Gruppo Consiliare di Insieme per Castelleone rivolge un'interrogazione scritta al Comune riguardante la questione dell'indennità di direzione soppressa nei confronti del personale della Farmacia Comunale a favore dell'assunzione di un part-time.

dal Gruppo Consiliare Insieme per Castelleone
insieme@suasa.it
I sottoscritti Consiglieri Comunali, Manfredi Carlo, Lorenzetti Loretta, Avenali Cristina e Toderi Marco, del gruppo di minoranza “Insieme per Castelleone”, hanno rivolto un'interrogazione al Sindaco di Castelleone di Suasa chiedendo, se è vero che questa Amministrazione Comunale vorrebbe declassare la Farmacia Comunale togliendo l’indennità di Direzione, attualmente in organico con Cat. D3, per finanziare un secondo Collaboratore Part-Time di Farmacia.

Avevamo precisato che l’incarico Dirigenziale era stato già assegnato a quel posto da alcuni anni, quindi, ritenuto necessario per il buon andamento della Farmacia Comunale come anche previsto attualmente nella Pianta Organica, nell’Area Farmacia, un Direttore ed un Collaboratore part-time entrambi classificati nella Cat. D3 del vigente CCNL, come anche specificato nella delibera 92 del 26/11/01 e che tale personale, se ben gestito, potrebbe essere sufficiente anche per le sostituzioni (si pensi a quando vi era il solo Direttore di Farmacia).

Tra l'altro si ricordava che la Farmacia Comunale risulta essere l’unico servizio attivo per le finanze comunali con introiti netti negli ultimi tre anni di circa 400.000 €.
Alla luce di queste considerazioni si chiedeva al Sindaco, se risultano veritiere le voci secondo le quali si intenderebbe declassare la Farmacia Comunale e se si, si chiedeva che venga giustificata la spesa fin qui sostenuta dell’indennità Dirigenziale, che, nel caso si ritenga non necessaria, risulterebbe un danno per le casse comunali fino ad oggi.
La risposta del 1° cittadino suasano, che ci ha dato nel corso del Consiglio Comunale del 21/08/04, è iniziata sottolineando che il risparmio derivante da tale decisione che consentirà di assumere una terza persona con contratto a part-time per migliorare il servizio della farmacia e avere personale proprio per sopperire a periodi di ferie o malattia e soprattutto per ampliare l’orario di apertura eliminando la chiusura infrasettimanale.

Non soddisfatti della risposta dataci, abbiamo diffuso un nuovo comunicato stampa. Per ciò che riguarda la ns. interrogazione sulla Farmacia Comunale, il Sindaco, in Consiglio Comunale, rispondendo, ha puntato subito sull’errata esposizione dei dati riportati nell’interrogazione perché l’utile degli ultimi tre anni non è € 400.000,00 ma € 284.000,00 e precisamente 90.000,00 nel 2001; 115.000,00 nel 2002 e 79.000,00 nel 2003.

Al di la della cifra esposta in modo sbagliato, questi dati confermano la validità del servizio e sono a dimostrazione che la Farmacia Comunale è l’unica fonte di reddito attivo del comune.
Il Sindaco, inoltre, ha asserito che non vuole assolutamente declassare la farmacia ma tagliare l’indennità al Dirigente a favore dell’assunzione di un altro part-time per migliorare il servizio della farmacia, per sopperire a periodi di ferie o malattia e soprattutto per ampliare l’orario di apertura eliminando la chiusura infrasettimanale.
Tale decisione, a nostro avviso, non può essere che di nocumento all’attività stessa della farmacia, che rimarrebbe priva di una figura di “responsabile”.
E’ inutile avere più personale, più ore di apertura se poi non vi è un coordinatore-responsabile della gestione che programma gli acquisti oltre che di medicinali anche di articoli sanitari, profumeria, ecc., che studia l’andamento del mercato castelleonese preoccupandosi di non fargli mancare il necessario. Inoltre, non si concede una indennità di Dirigente ad un lavoratore (gli era stato promesso anche un aumento dell’indennità) e successivamente si decide di toglierla per assumerne un altro part-time.
Oltre ad essere oltremodo scorretto nei confronti del lavoratore è anche da giustificare sul piano umano! E poi queste “scelte oculate” dell’Amministrazione, tanto decantate durante l’ultima amministrazione, dove sarebbero andate a finire, se da anni ormai, al lavoratore gli era stata concessa l’indennità (con la promessa di aumento) ed ora si è deciso di toglierla?
E comunque, non siamo certo contro l’assunzione di personale, ma se si è deciso di allungare l’orario di apertura della Farmacia, si venderebbero molti più prodotti con notevoli incassi e quindi ecco trovati i fondi necessari per la remunerazione del nuovo part-time.

Auguriamoci, per il buon proseguo ed andamento della Farmacia che questa idea venga quanto meno archiviata dall’Amministrazione!

Per ulteriori infomazioni visitare il sito del gruppo consiliare Insieme per Castelleone

ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 29 settembre 2004 - 2459 letture