x

SEI IN > VIVERE SENIGALLIA >

"L'uovo sodo ha sancito un'amicizia ventennale"

3' di lettura
2245
EV

Sabato 25 settembre, in occasione della 51^ Festa dell’Uva è stato sottoscritto il "Patto d'Amicizia" tra Arcevia e Tredozio in nome della tradizionale gara di “scoccetta” fra le rappresentative delle due cittadine. .

dal Comune di Arcevia

E’ stato sottoscritto solennemente sabato 25 settembre ad Arcevia tra la cittadina marchigiana ed il Comune di Tredozio dopo 21 anni di sfide a “Scoccetta” o battitura delle uova, una tradizione contadina condivisa dalle due comunità.
Alla cerimonia, che si è tenuta presso il centro culturale San Francesco, hanno partecipato i Sindaci e le delegazioni delle due città. Da Tredozio sono venuti ad Arcevia per sottoscrivere il Patto, quattordici rappresentanti tra Amministratori e componenti della locale Pro loco. Inoltre era presente un gruppo folcloristico siciliano formato da 53 persone, invitati ad Arcevia in occasione della Festa dell’Uva.
Da ventuno anni” ha commentato il Sindaco di Arcevia Silvio Purgatori “l’uovo unisce le due cittadine ed ha contribuito, tra sagre e scambi turistici, a cementare una solida amicizia fra le nostre due cittadine. Amicizia che oggi trova un riconoscimento ufficiale nella sottoscrizione del Patto che rafforza ancora di più i legami tra di noi e pone le basi per ulteriori scambi culturali, commerciali e turistici”.
In questi ventun anni che hanno visto una delegazione di Arcevia ospite a Tredozio a Pasqua e i tredoziesi ospiti ad Arcevia l’ultima domenica di settembre per la festa dell’Uva, le sfide a “scoccetta” o “battitura” si sono succedute puntuali e vedono i tredoziesi in vantaggio per 23 a 20 grazie alla doppia vittoria dello scorso anno, che aveva visto celebrare l’anniversario di venti anni di sfide in una completa e diplomatica parità e quella dell’aprile di quest’anno. Nel Comune di Arcevia la battitura delle uova risale ai primi anni del secolo scorso nelle varie feste del Santo Patrono delle frazioni arceviesi. A tale periodo risale anche la tradizionale “Colaziò coll’ovi”offerta la mattina di Pasqua a tutti i presenti sulla piazza principale.
A dimostrazione che tutto il mondo è paese”, da dichiarato l’assessore alla cultura Franco Fiori “la stessa tradizione è andata consolidandosi nella Corte della parrocchia di Ottignana, a 2,5 chilometri da Tredozio. In entrambi i contesti territoriali la battitura delle uova sode è andata trasformandosi da rito propiziatorio per i raccolti a sagra e festa paesana. Infine una curiosità: Arcevia e Tredozio avrebbero continuato tranquillamente ad ignorarsi ed a celebrare ognuno la sua festa della battitura o scoccetta, se la trasmissione televisiva Portobello, nel lontano 1982, non avesse fatto conoscere questa tradizione, favorendo l’incontro tra le due comunità. Da allora la gara delle uova sode tra Arcevia e Tredozio è un appuntamento fisso che si è ripetuto anche quest’anno”.



ARGOMENTI


Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 27 settembre 2004 - 2245 letture