x

L'Italcementi chiude definitivamente i battenti

1' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
E' previsto per il 31 luglio l'ultimo giorno di lavoro degli ultimi 4 dipendenti rimasti nella struttura.



Uno dei quatto dipendenti andrà in pensionamento, mentre gli altri tre, un impiegato e due operai, saranno inseriti nelle liste di mobilità.

Il procedimento di chiusura, previsto per il 31 dicembre, è stato anticipato; Carlo Montanari, presidente dell'Associazione per la Lotta all'Amianto, è soddisfatto per il provvedimento preso per l'Italcementi che segue quello per il Sacelit chiuso 22 anni prima, quando il Ministero della Salute dichiarò cancerogeno l'amianto.
L'Amministrazione comunale si è adoperata per bonificare le aree a rischio amianto, ma c'è ancora molto lavoro.
Quest'area sarà completamente risanata e forse sarà possibile unire i due litorali di Senigallia quando lo stabilimento sarà scomparso.
Carlo Montanari, prima di battersi in prima linea contro l'uso dell'amianto, ha lavorato all'Italcementi come addetto al personale.
Nessuno come lui può ricordare il triste primato degli operai dello stabilimento per quanto riguarda le morti per cancro.

Testo alternativo Testo alternativo





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 28 luglio 2004 - 5295 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/efXE





logoEV
logoEV
logoEV