x

Il G.S.A. è disponibile a migliorare il Piano per il Traffico

3' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Viste le recenti polemiche, il Gruppo Società e Ambiente si sente in dovere di attivarsi in difesa del piano di riordino del traffico.
Un piano certamente migliorabile, ma che ha già avuto il pregio di aver liberato la città dalla morsa del “parcheggio selvaggio” migliorando la vita di chi solitamente si sposta a piedi, in bici o in carrozzella.

dal Gruppo Società e Ambiente


Comprendiamo il disagio della novità, ma non siamo disposti a credere che sia questo Piano del Traffico il responsabile della rovina economica dei commercianti.
Il commercio non vive attualmente una situazione favorevole, anzi tutto il contrario, ma addossare a questo piano del traffico la colpa del calo delle vendite che dura ormai da mesi ci sembra pretestuoso.
Invece di investire tante energie in una polemica rabbiosa fine a se stessa, sarebbe opportuno impegnarsi per offrire un servizio migliore e diversificato in modo da invogliare la gente a fare acquisti al centro.
Molti di noi vanno ad acquistare in altri centri storici perché lo stesso prodotto costa meno e la scelta è più ampia.

Da quando è in vigore questo piano la mancanza di parcheggio non è più un problema e chi viene a fare acquisti verso le 9.00 del mattino non è più costretto a giri snervanti in cerca di un posto.
Il problema è che bisogna pagare?
E’ vero!
Ma ormai è così in tutte le città d’Europa e nei comuni a noi vicini dove si è capito da un pezzo che la macchina è un privilegio e i privilegi costano.
Chi si muove in macchina inquina, crea ingorghi, rumore, occupa spazio.

Da molti anni stiamo adattando la nostra città alle esigenze delle automobili e non a quelle degli esseri umani (pensiamo a quanto si è sempre speso per asfalto, segnali, rotatorie, semafori e a quanto si è speso per piste ciclabili e marciapiedi).
Se avessimo usato le auto con moderazione, non saremmo arrivati a questo punto.
Si tratta di cambiare stile di vita e si può capire che questo crei malcontento, ma le alternative non ci sono: l’aria è ammalata e fa ammalare, la città, abbandonata al parcheggio selvaggio, è invivibile.

Certamente il piano non è perfetto, ma per quello che ne sappiamo noi è in “rodaggio” e l’amministrazione è pronta al dialogo per apportare le opportune migliorie.
Non ci risulta che questo piano sia stato imposto dall’alto come una volontà dittatoriale: gli incontri con gli enti, le associazioni, i cittadini, si sono susseguiti per mesi.
Lo stesso Assessore Ceresoni è venuto più volte nella nostra sede per discutere questo piano accogliendo spesso le nostre istanze.
Ci risulta che la stessa cosa sia stata fatta con i legali rappresentanti dei commercianti: il dialogo c’è stato e ci sarà ancora perché, questo piano, ha bisogno di modifiche, di rettifiche, di aggiustamenti e miglioramenti.

Anche noi ci rendiamo disponibili mettendo a disposizione le nostre competenze purché l’obiettivo sia quello di un dialogo costruttivo.
Per questo invitiamo tutte le associazioni, gli enti e i cittadini ad esprimere la propria posizione e ad unirsi a noi per migliorare la qualità della vita nella nostra bella città.





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 10 luglio 2004 - 1781 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/efVh





logoEV
logoEV