x

La Tragedia del Fortunale

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
La Compagnia La Fenice mette in scena stasera al Teatro Portone "La Tragedia del Fortunale", liberamente tratta da un racconto di Sergio Anselmi che narra la drammatica tempesta, oggi quasi dimenticata, che nel 1927 causò la morte di nove pescatori e segnò per sempre il destino di molte famiglie.



Liberamente tratto da un racconto di Sergio Anselmi, scritto, diretto e interpretato da Antonio De Carlo e Giorgio Sebastianelli, stasera alle 21 e 15 al Teatro del Portone, la Compagnia La Fenice presenta "La tragedia del fortunale", una storia vera tra realtà e finzione nell'informazione.
La Compagnia La Fenice nasce da un suggerimento e dall'esempio di Dario Fo, che, durante il lavoro per lo "Spettacolo Evento Carnevale di Fano 2003", del quale è stato autore e regista,aveva vivamente consigliato a DeCarlo e Sebastianelli di scrivere un teatro che raccontasse l'anima del popolo attraverso l'espressione delle sue radici culturali.
La Compagnia della Fenice muove dunque i suoi primi passi dal mare, scegliendo come soggetto un racconto di Sergio Anselmi, "Il Fortunale". Una drammatica vicenda riportata a galla dopo un lungo lavoro filologico, una vicenda oggi quasi dimenticata o addirittura sconosciuta, viva solamente nei ricordi accesi di coloro, come gli Amici del Molo di Senigallia, che direttamente o indirettamente sono legati alla tragedia accaduta nell'anno1927 nelle acque adriatiche. Una tempesta che causò la morte di nove pescatori e segnò per sempre il destino di molte famiglie.
Nel corso dello spettacolo si sviluppano e si intrecciano numerosi campi semantici: la dura vita degli anni venti-trenta raccontata attraverso aspetti sociali, culturali e politici, fino a giungere ad un significativo parallelo con l'odierno modo di fare informazione, sfiorando anche la piaga della guerra.
L'aiuto regia è Valentina Bonafoni, la scenografia è di Ennio Giuliani, coordinatore suoni Francesco Favi e ha collaborato al testo Milena Zucconi.

   

EV




Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 22 aprile 2004 - 1790 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/efL8