x

Orrore ai Della Rovere: di chi è il quadro?

2' di lettura Senigallia 30/11/-0001 -
Un nostro attento lettore, Dario Pescosolido, ci segnala un errore, o sarebbe meglio dire orrore, all’interno della mostra dedicata ai Della Rovere.

di Claudia Costantini
claudia@viveresenigallia.it


La mostra senigalliese dedicata ai della Rovere è un evento culturale di primo ordine: organizzata in concomitanza con Pesaro Urbino e Urbania è destinata ad avere risonanza a livello internazionale; saranno molti infatti i turisti che, giunti nella nostra ridente cittadina per godersi il mare, ne profitteranno per fare una capatina alla mostra. Si può già immaginare il loro stupore quando, di fronte al ritratto di Giulio II, noteranno che, curiosamente, esso è stato attribuito a due autori differenti. Nella mostra allestita presso la Rocca Roveresca, in effetti, si legge che il ritratto è stato dipinto da Tiziano, mentre a pochi centinaia di metri, a Palazzo del Duca, lo stesso quadro è giustamente attribuito a Raffaello.
Stupore forse avranno provato anche i visitatori più attenti, come il nostro lettore, e gli appassionati di arte che certo non apprezzeranno il qui pro quo creato da chi ha allestito la mostra. Il ritratto di Giulio II va sicuramente attribuito a Raffaello, che viene chiamato in Vaticano proprio da Giulio II, iniziando così una feconda collaborazione. Una disattenzione grave da parte di chi ha curato la scrittura delle targhette che individuano l’opera che può creare confusione e certo non ci fa onore. Ci auguriamo che l’errore venga al più presto rimosso e venga attribuito al giusto autore anche il quadro esposto alla Rocca…sperando per il futuro nella maggior attenzione di chi cura l’evento!

Testo alternativo Testo alternativo Testo alternativo
Clicca per ingrandire





Questo è un articolo pubblicato il 30-11--0001 alle 00:00 sul giornale del 19 aprile 2004 - 2113 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/efLQ





logoEV
logoEV